Motore di ricerca

08 febbraio 2006

La moneta sociale riparte dai Balcani?


Crediamo che finalmente saremo capiti, e che l’amministratore Christian Schwarz-Schilling non ci deluderà di nuovo, perché, essendo nato a Innsbruck, potrà comprendere. A Innsbruck si sono stampate valute complementari, così come in Germania. Grazie a Dio, è anche diventato tedesco, così potrà capire noi, che vogliamo la Valuta Complementare, visto che in tutti e due i suoi paesi questa è stata emessa.

Siamo onorati che lui possa capirci dopo che noi, come piccolissima struttura, abbiamo indagato sulla truffa colossale che le banche stanno perpetuando nella Rep Srqska, ogni giorno, minuto per minuto. Abbiamo anche chiesto a Trasparency International di indagare su quelle banche che rastrellano la ricchezza della gente. Stiamo ancora aspettando.
Ma sicuramente sono troppo occupati: eredità della gestione di Bobby McNamara, quello che si è riciclato come banchiere dopo la guerra nel Vietnam.

Comunque, siamo fiduciosi perché crediamo fermamente in questo progetto, che potrebbe far scoppiare la pace tra Musulmani, Croati e Serbi. Perché le religioni sono con noi. Possiamo sederci assieme attorno ad un tavolo, perché tutti condanniamo l’usura, che oggi viene applicata nella BHI.
L'usura viene condannata anche dall’ONU, l'usura porta stress e moltissime patologie.
Questo l'abbiamo capito dalla Germania, dalla profesoressa Margrit Kennedy che ha creato la rete delle monete complementari proprio nel paese del Nostro amministratore.

Siamo molto felici perché almeno possiamo collaborare con un popolo che ha capito l'importanza essenziale dell'esercizio della sovranità monetaria.
Possiamo essere fianco a fianco: possiamo abbracciarci per un’ unione unica ed eterna.
Possiamo essere fianco a fianco: possiamo abbracciarci per una unione unica ed eterna.
Anche perché noi ricordiamo che: "In NESSUN CASO un popolo può essere privato dei propri mezzi di sussistenza." [punto 2, art.1 del "Patto internazionale sui diritti economici, sociali e culturali", adottato dall'Assemblea Generale dell'ONU il 16/12/1966]