Motore di ricerca

10 febbraio 2006

Marzo di Sangue e nuovo dollaro

L'america sta valutando segretamente di stampare nuovi dollari "United States notes", "Note Statunitensi", in sostituzione dei tradizionali dollari "Federal Reserve Notes".
Proprio come voleva fare Kennedy, infatti gli unici che ci guadagnarono da quella morte furono la Federal Reserve ed Israele.
Oggi Bush si trova nella medesima situazione e pare che effettuerà la riforma entro marzo, visto che non ha altra soluzione. A meno che non si prenda in considerazione l'alternativa, geopoliticamente dislessica, di bombardare l'Iran che sta istituendo una borsa che tratterà petrolio in euro (petroeuro): questa iniziativa, infatti, svaluterebbe il vecchio dollaro rendendolo carta straccia.
L'uovo di Colombo consiste nello stampare "Note Statunitensi", ovvero biglietti di Stato, per non rimanere nelle mani dei soci della Federal Reserve, che è una società privata che pare abbia addirittura la sede legale a Portorico.

Il governatore della Federal Reserve, Alan Greenspan, il 31 gennaio se ne va in pensione. Il nuovo, Ben Bernanke, ha deciso di non pubblicare più i dati di M3, ovvero la quantità totale dei vari tipi di dollari emessi: in pratica, potranno stampare soldi a più non posso senza che nessuno se ne accorga.
Non a caso sono uscite delle leggi strane sulla legittima difesa, in vari paesi.
In Italia, Berlusconi ha chiesto 15 giorni in più prima delle elezioni.
Si sta giocando questa grande partita monetaria facendo di tutto per distogliere l'attenzione da questo piano. Ad esempio, hanno deciso di far consegnare proprio ora Mladic alla euromagistrata Carla Del Ponte. La mente raffinatissima della Corte dell'Aia è già al lavoro nelle varie boutique per comprare giacche, foulard e per qualche ritocco alle rughe: per poi pavoneggiarsi come al solito davanti alle telecamere.

Mentre infuriava la polemica sul signoraggio del Marco Convertibile, il governo della Srpska è caduto sotto un accordo chiuso tra tre persone. Queste si spartiranno le sedie storte: un serbo sarà il vice primo ministro. Il loro abietto obiettivo è di scaricare sulla polizia la consegna di Mladic, infatti il Topolino dell'Aia sta parlando di collusioni della polizia nel mercato della
droga.
Evidentemente si è consultata con Soros, che lui di droga se ne intende.
Tutto questo scenario accadrà nei prossimi giorni mentre tutti i media sono già pronti a deviare l'attenzione da quello che sta per succedere col dollaro.
Tutti sono al lavoro per privatizzare tutto e consegnare ai pirati quello che
rimane.