Motore di ricerca

03 marzo 2006

L’accusa della Bosnia di genocidio

Guardate bene quelle immagini, rievoca la memoria del famoso processo di Norimberga, che accusò di genocidio solo alcuni funzionari tedeschi mentre la Germania in quanto Stato non è stata mai imputata, mentre rappresenta un vero e proprio reato sostenere che il genocidio non è mai stato commesso. Di queste assurdità sicuramente l’ambasciatore americano, Douglas McElhaney, può darci una spiegazione, dei nomi e dei cognomi, visto che aspettiamo ancora la traduzione di quel documento della Federal Reserve.
Dato che Lui, signore del potere dei “buoni”, è molto attento alla Costituzione, e dice che vuole fare le cose velocemente, può già dirci se la Serbia sarà condannata e i cittadini Bosniaci avranno allora un risarcimento. Un risarcimento che sicuramente non creerebbe conflitti etnici. Almeno spero che vi stiate rendendo conto che state perpetuando un Etnocidio ai danni dei popoli balcanici, state ammazzando le nostre culture e le nostre tradizioni.
Sr. Ambasciatore, fare queste scenate serve solo ad agitare gli animi e fomentare guerre mentre la BCE ha aumentato i tassi per aiutare l’America a non fallire, perchè il suo debito pubblico è incontrollabile, è il debito pubblico di un paese fallito.
Dica Sr.Ambasciatore la verità, anche se so che non ci risponderà e che sarà molto occupato, ma Lei ha una grossa responsabilità: stiamo parlando di Etnocidio della razza umana, deve rispondere!
Non basterà stavolta un Sorry o un sorriso. Parlano in maniera evidente i fatti: ci dica dunque chi ha comprato le nostre fabbriche e cos’ è il debito pubblico della Bosnia. Spero che Lei capisca e che ci conceda qualcosa, perché sembra che neanche i fagioli ci voglia lasciare.