Motore di ricerca

18 aprile 2006

Ciò che noi dicevamo, oggi lo conferma il Financial Times

Il Financial Times lancia l’allarme del “rischio Argentina” in Italia, per la quale si nasconde il fantasma del fallimento e dell’uscita dall’Euro, se le tempestive riforme per contrarre il debito pubblico non sortiranno gli effetti desiderati dalle Agenzie di rating.

Le parole dell'editorialista e condirettore del Financial Times, Wolfgang Munchau, richiamano gli stessi toni delle previsioni e delle analisi della Etleboro, in particolare del suo socio fondatore Michele Altamura, in "Dopo tanta finanza creativa si ritorna al passato". Questi, infatti, ha ripetutamente sottolineato in molteplici interventi che lo scenario italiano è molto problematico ed incerto, ma che sicuramente l’Italia avrebbe dovuto prepararsi a tempi molto difficili in cui sarà la “guerra del credito” a dettare legge. “L’Italia certamente tornerà ad una moneta complementare accanto alla lira. È ora che i politici italiani comincino a studiare cos’è la moneta e il sistema economico, perchè sono degli ignoranti. La crisi energetica porterà all’iperinflazione, il denaro sarà carta straccia, e occorrerà tornare alla moneta come mezzo di scambio non come strumento di potere”.

L’Italia possiede il terzo debito pubblico più elevato del mondo, nonostante l’elevatissimo cuneo fiscale, i tagli alla spesa pubblica, le dismissioni del patrimonio statale e una bilancia commerciale, seppure incostante, dai saldi non preoccupanti. L’esito elettorale dunque non è la peggior cosa che poteva capitare all’Italia, ma sicuramente non garantisce stabilità alla situazione politica, figuriamoci poi sicurezza economica.

Il Financial Times rinvia il giorno del crollo al 2015, dopo anni di finanziarie e manovre-bis che daranno tanto materiale di cui discutere agli speculatori, che già oggi scommettono con i “default swap”, cioè titoli che danno diritto al rimborso solo in caso di fallimento. La Etleboro crede che il momento dell’uscita dall’Euro è più vicino di quanto non si creda, che non servirà un qualsiasi movimento populista a portare l’Italia fuori dall’Europa. I patti di Maastricht saranno obiettivi sempre più difficili da rispettare, perchè assolutamente non calibrati sulla situazione economica reale.

Le guerre ora si combattono solo per far scena, perché si svolgono ogni giorno su un pc”, perchè “ esistono le guerre del credito e dei consumatori , che vanno ad indebitare il paese per privarlo delle sue ricchezze, e portano poi all'aumento della criminalità e dei disordini sociali” . Hanno nascosto molte cose sulle patologie economiche, e sopratutto sulla ricerca mentale, oggi finanziate non a caso da entità economiche.


Michele Altamura ha elaborato e scritto, e ben presto divulgherà tramite un canale satellitare, la Teoria del Crimine Invisibile dimostrando nei suoi otto volumi che alla base del controllo dei poteri non vi è un gruppo di persone, ma di intelligenze artificiali, programmi che elaborano dati ed informazioni, calcolatori non convenzionali. La truffa così com’è strutturata non può essere gestita da un gruppo di persone ma da programmi: le grandi società che raccolgono e trattano dati nascondono dei processi lavorativi. È assurdo e molto grave che un Paese utilizzi per i data base della polizia di Stato i software della LOTUS e della IBM, e gli stessi programmi sono usati da tutte compagnie telefoniche, dalle Banche e dalle intelligence. Non esiste oggi un elaboratore che sia in grado di compattare e gestire la disinformazione, e non avendo questa tecnologia noi non potremo mai capire in tempo cosa stia succedendo perchè la tecnologia che abbiamo è obsoleta.
Vengono emanate leggi per la “protezione dei dati personali” delle imprese alquanto strane, perché oltre ad essere inutili rimettono la sicurezza delle informazioni di un’impresa alle società di consulenza e di ricerca dati.

Gli uffici di statistica, come l’Instat, sono le società più finanziate, e i loro calcolatori elaborano dati demografici, di produzione, di consumo, dati personali. Se per esempio tramite gli elaboratori si è in grado di sapere quanto un Paese consuma di una determinata materia prima, è possibile poi giocare su tale informazione con le politiche sui dazi, sulle quote di importazione, sulle regole del commercio al fine di indebitare e sottomettere un popolo. Uno Stato indebitato è una facile preda dei suoi Creditori più potenti, che possono così rastrellare le sue ricchezze in maniera lenta e invisibile. Le direttive CE sono ideate e scritte dai comitati d’esperti che affiancano segretamente la Commissione Europea e nei quali siedono i consulenti delle multinazionali, gli stessi gruppi che poi profitteranno dalle leggi che saranno emanate.


Non è assolutamente vero che la guerra non esiste. La guerra esiste e come, perchè nelle nostre tasche manca il denaro.