Motore di ricerca

12 aprile 2006

L'Etnocidio si nasconde nell'economia

L’anatocismo bancario è quel meccanismo perverso in base al quale le banche calcolavano ogni trimestre gli interessi sugli interessi passivi già maturati , in una spirale debiti- interessi che non conosceva fine : a fine anno il monte debiti si ricapitalizzava con degli interessi usurai sino al 30%. Grazie a questo sistema criminale 300.000 piccoli imprenditori sono falliti, sono stati umiliati, calpestati, truffati, ingannati, arrestati , uccisi. Si sono ammalati di cancro, sono caduti nelle mani del racket e della alla droga, tra i bordelli, le roulette e le amanti . Intere generazioni di futuri imprenditori, e dunque lo sviluppo dell’imprenditoria familiare sono state distrutte. Hanno provocato un danno biologico, sociale ed economico al paese pari ad un vero e proprio genocidio.
Questa prassi, illegittima e criminosa, è stata ritenuta dichiarata un vero e proprio reato solo negli ultimi anni, e le prime sentenze risalgono al 1993 presso il Tribunale di Vercelli, sino a quella della Cassazione del 16 marzo del 1999. Le sentenze avrebbero tuttavia minato l’intero sistema bancario nelle proprie fondamenta, in quanto in molti casi, gli abnomi interessi passivi si sarebbero trasformati in un bel capitale da restituire, a cui occorre aggiungere il risarcimento per danni biologici e reali. Interviene a questo punto il decreto “salva banche” , D.Lgs. n.342 del 4 agosto 1999, che ha cercato di evitare gli effetti disastrosi e devastanti per gli istituti di credito, eliminando la possibilità di ricorrere in giudizio per i contratti precedenti e futuri l’emanazione della legge. L’allora governo d’Alema emana un decreto che toglieva il diritto ad ogni cittadino di chiedere la restituzione degli interessi che gli erano stati addebitati dalle banche usuraie, diritto che gli era stato invece conferito dalle sentenze precedenti, stroncando così anche le azioni per i contratti futuri perché l’anatocismo diventava una clausola legittima. Insomma una legge criminosa ed infima almeno quanto il sistema che cercava di salvare.

E così mentre in Kosovo si contavano i fantasmi, mentre si riesumavano i morti viventi della Bosnia, che tanto vantavano le casalinghe Emma Bonino e Carla del Ponte, l’Etnocidio era in atto in casa nostra. Mentre tutti pensavano di salvare una paese, stavano distruggendo la nostra di Patria. Questi impostori e criminali hanno architettato la truffa in maniera scientifica e strategica, con le immagini di una guerra o di uno sterminio che colpiscono la nostra mente con un messaggio visivo, con metodi invisibili e subliminali che influiscono sul nostro essere facendosi credere che siamo noi i perdenti. Tutto questo è frutto della falsa teoria psicologica e psichiatrica. Le banche tramite la Rokfeller possiedono un istituto per la ricerca mentale, dove hanno nascosto le ricerche, la vera scienza. Abbiamo aspettato 30 anni per avere una “carta” che certifichi che ogni cittadino può riavere i propri soldi, e altri 30 anni dovremo aspettare per averli . E’ questa la truffa, orchestrata da Banca Intesa, da BNL e Unicredit, dai Baroni Ladroni che la sinistra nasconde dietro il sorriso da “idiota” del nostro Prodi . Ovviamente anche il centro destra non è da meno, sono indifendibili perchè non hanno alzato un dito per rendere esecutiva la sentenza del Signoraggio. Questo è l’Etnocidio.