Motore di ricerca

18 novembre 2006

Etleboro e l'Associazione "La Tela" per le piccole e medie imprese


L'associazione culturale "La Tela", è nata a Fermo, nelle Marche questo Agosto da Alessandro Marzetti, Presidente, Paolo Fattenotte, Silvia Ferracuti , consigliere comunale della lista civica "Fermo Libera", e Andrea Gianni , eletto recentemente consigliere della lista civica.
Nasce dal desiderio di un gruppo di portare nella città di Fermo le novità apprese dalla ETLEBORO, come il nome della Associazione, prima tra tutte. Le soluzioni prospettate per aiutare a risolvere la crisi che attanaglia le piccole e medie imprese sono state ascoltate con molto interesse perchè sembrano maggiormente realizzabili e vicine ai reali problemi della comunità.Quella della associazione "La Tela" è una iniziativa che va al di là della promozione delle attività culturali, perchè è sua ferma intenzione di realizzare qualcosa che dia una risposta alle difficoltà che oggi incontrano le imprese della città di Fermo e del territorio circostante.

Sta lavorando molto per far conoscere le sue idee, e far cadere in qualche modo quel muro di diffidenza iniziale che si può incontrare quando si presentano delle idee che prima non si conoscevano. In questo si innesta la preziosa collaborazione con la Etleboro, rappresentata da Andrea Gianni nella cittadina di Fermo, per presentare il progetto della Tela di imprese presso l'Amministrazione del Comune di Fermo, grazie alla lungimiranza ed alla disponibilità del Sindaco, Saturnino Di Ruscio .

La collaborazione che si sta costruendo vedrà la Etleboro come Intelligence economica che assisterà in ogni suo passo la città di Fermo a rendere la Tela operativa. Informatizzazione, Telematizzazione e Condivisione dei dati delle imprese, sono i nostri comuni obiettivi, i concetti intorno ai quali tutto ruota e da cui non ci si può allontanare.
Ecco l'ennesima eco della Etleboro, che comincia ad avvicinarsi sempre più alle persone, alle imprese, senza influire sulla vita politica di una comunità, che può così decidere in maniera autonoma come gestirsi e autosostenersi senza "tasse di scopo".
I progetti sono tanti, le persone sono pronte e voltare pagina, e ad iniziare insieme a collaborare al solo scopo di vedere la propria economia rinascere.