Motore di ricerca

07 febbraio 2007

Jasenovac: lo sterminio del crimine invisibile

Non si può negare, non si può nascondere, perchè le foto, i documenti, e i testimoni saltano fuori, la censura dei video è un atto barbaro, meschino, e - se permettete - anche ignorante. Forse perchè voi "illuminate" e dunque credete di essere dei pastori, dei guru, ma non siete nessuno, siete dei ladri e dei figli di ladri, chiedete a tutti di fidarvi di voi, e non capiamo perche voi non vi fidate di noi. Dietro questo crimine se ne nasconde un altro, cari signori, perchè Jasenovac è un crimine nel crimine, è come vedere un muro alto che poi cade da solo. Bisogna avere coraggio per andare a cercare nelle biblioteche ciò che è rimasto dopo l'incendio degli eserciti, ci vuole onore per seguire un'idea, e ci vuole forza per farsi capire, e farsi ascoltare.

YouTube Censura Jasenovac

Ringraziamo dunque YouTube per aver censurato la verità, per aver oscurato il video dello sterminio di Jasenovac - presto tuttavia sarà ritrasmesso mediante i server della Etleboro. Hanno parlato di violazione, ma non riusciamo a capire di che violazione si parla, perchè la storia è indiscutibile.
Noi staremo comunque qui, fermi sulle nostre convinzioni, finchè non sarà fatta giustizia alla verità.




Michele Altamura e Knezevic Gojko,
Presidente del movimento delle vittime
della II guerra mondiale nella Republika Srpska

Non potranno tenere ancora segreta la nostra storia, e noi produrremo nuove prove, porteremo dei Testimoni oculari, sopravissuti allo sterminio di Jasenovac, per raccontare come ha vissuto con i propri occhi la morte dei genitori sua madre: un racconto triste, ma è sicuramente più triste negare e nascondere la verità: è un crimine.
Diranno una storia diversa da quella che raccontano i nuovi guru, combattendo davvero, in silenzio, giorno dopo giorno questa guerra, fino alla fine perché solo la Serbia salverà i Serbi.
Signori, non crediate che con un sitoweb, con i forum si combatta una guerra, ma con lo scontro sulla verità, pagando le conseguenze delle proprie azioni.

Avevamo scritto:
"CHE DIO PROTEGGA TUTTO L'ORO DEL MONDO E AIUTI A NEGARE LA STORIA E A METTERE IN CARCERE CHI CHIEDE IL CONTO"
Ecco il primo miracolo del 2007, le prime censure, perché è proprio vero che chi sfida questa legge viene ridicolarizzato e zittito.