Motore di ricerca

18 novembre 2007

Notizie dai Balcani

La farsa elettorale del Kosovo

Le elezioni in Kosovo, che hanno consacrato la vittoria di Hashim Thaci, esponente del partito democratico per il Kosovo ed ex guerrigliero dell'UCK, sono state proclamate dai media come una grande vittoria, ma in realtà si nasconde in esse una grande sconfitta.

Il voto è stata una sconfitta su tutti i fronti, in quanto erano state preannunciate dai media come il "voto decisivo per l'Indipendenza" , ma il quorum finale è stato solo del 45% della popolazione, una totale vergogna. Un'evidente sconfitta che nessuno può negare, e tutta la Comunità internazionale deve ora essere coerente e rispettosa del volere del popolo, ammettendo che l'Indipendenza non rispecchia il volere sovrano della popolazione kosovara.A raccontare i fatti non sono più i media, divenuti ormai solo dei passa-carte dei comunicati stampa trasmessi dai partiti , ma è il popolo kosovaro che ha dato un vero segnale a tutta la comunità internazionale sulla grande propaganda dell'Indipendenza del Kosovo. Alle elezioni ha partecipato solo il 45% della popolazione kosovara, quando l'intera compagna elettorale è stata impostata a colpi di indipendenza e dichiarazioni ambigue, attendendo così un "primo referendum" risolutivo.