Motore di ricerca

26 aprile 2010

Frattini ha perso la battaglia sui visti per la Bosnia e l'Albania

Banjaluka - Sono ormai molti i segnali che il Ministro Frattini si sia bruciato la carta dello Schengen con la Bosnia e l'Albania, visto che sono già molto accreditate le ipotesi che la Commissione Europea non dia un segnale favorevole prima di settembre. Nonostante l'entusiasmo degli italiani, Bruxelles non si era mai esposta sui visti alla Bosnia con una procedura accelerata, perché non voleva in qualche modo spianare la strada ai politici locali che entrano in campagna elettorale proprio in estate. Questo quanto afferma Michele Altamura, direttore dell'Osservatorio Italiano, delineando le prime proiezioni per il tanto atteso vertice UE-Balcani a Sarajevo. "Del resto, questi analisti superpagati che lavorano presso la Presidenza del Consiglio la devono smettere di copiare e incollare articoli, e farsi pagare profumatamente per non fare un bel nulla - tuona Altamura - l'Italia ha distribuito in questi milioni di euro a veri e propri squali. Il nostro Premier deve controllare meglio i suoi uomini, che usano il nome della 'Presidenza del Consiglio', e chiamano con i cellulari e scrivono con e-mail private, confondendo una richiesta di 360.000 euro con 360 euro. Questi signori sono i consulenti dei capi della diplomazia, che dovrebbero poi guidare la politica estera italiana". Secondo Altamura, quindi, la diplomazia italiana ha perso la sua lotta per essere capofila della politica di intermediazione tra Balcani ed UE. "Abbiamo perso perchè siamo una 'Armata di Brancaleone', non esiste un coordinamento. Ognuno agisce di testa propria, diventa un parassita dello Stato, non ha un'iniziativa costruttiva perché non conviene presentare nulla: si tengono buono il posticino, li vedo apparire nei convegni, come dei tuttologi - spiega -, quando poi bisogna portare dei risultati, chiamano a nome delle istituzioni per avere informazioni gratis e magari far bella figura, pronti a conquistare un altro grado della loro carriera", conclude Altamura.