Motore di ricerca

22 ottobre 2010

Seenet 2 : il Potere dei Buoni

Nonostante alcuni media comincino a diramare notizie sui progressi del progetto del Seenet 2, non vi sono ancora dati certi sul costo del singolo progetto associato alla realizzazione della "rete trans locale per la cooperazione tra Italia e Sud Est Europa". Non è ancora pervenuta alcuna risposta alla richiesta dell'Osservatorio Italiano rivolta alla Regione Toscana e alla Cooperazione Italiana di conoscere i costi associati ad ogni modulo del progetto, in relazione al massiccio impiego di fondi pubblici. "E' vergognoso come la Regione Toscana e la Cooperazione Italiana si nascondano dietro le procedure burocratiche e con un assoluto silenzio - afferma Michele Altamura, Direttore dell'Osservatorio Italiano - questa è la nostra Italietta, fatta di impiegati frustrati e da un esercito di 'consulenti del copia e incolla'. Il Seenet 2 è un'opera colossale inconsistente ed inconcludente", aggiunge. Infatti, da quanto si è appreso leggendo tra le righe dei pochi articoli diramati sulle agenzie locali, è possibile ipotizzare un costo per ogni modulo di circa 100 mila euro, e considerando che il Seenet 2 conta 47 progetti, allora in totale vi potrebbe essere una spesa di 5 milioni di euro circa. "Per arrivare agli 11 milioni annunciati ce n'è di strada da fare - osserva Altamura, aggiungendo - mi chiedo così dove vadano a finire gli altri. Questo è il Potere dei buoni, costruito sulle frustrazioni e rivolto all'umanitarismo con i soldi degli italiani, come ci ricordano le parole di Giorgio Gaber. Questi sono i nostri eroi, i soldati dell'integrazione, che 'opere di bene' e si sentono rivoluzionari alle spese degli italiani. Finchè la Cooperazione Italiana non risponderà alle nostre domande, con la stessa serietà con cui lo Stato chiede alle imprese di pagare le tasse, noi saremo inflessibili e continueremo a batterci per la trasparenza", conclude Altamura.