Motore di ricerca

27 febbraio 2006

Non ci rimangono che le ossa

Ratko Mladic ha inviato all’Etleboro un’e-mail, in cui chiede di darvi questo messaggio, e noi esaudiamo la sua richiesta dato che durante questa settimana tutti hanno preso soldi e una buona bistecca.

“ Adesso voglio porre a voi il fatto che mi accusano di genocidio, ma Carla del Ponte ha mostrato un video portato da Natasha Kandic, figlia di un dio minore e di anime sperdute, di padri sconosciuti e di madre senza spirito. Io mostrerò l’olocausto mondiale perpetuato ai danni dell’umanità da anni, che noi abbiamo combattuto. Ecco a voi la verità. Questa settimana ci vediamo”



Visto che ormai non rimangono le ossa, non è che avete sbagliato?

24 febbraio 2006

Ratko Mladic in mano della Nato

Mentre è ancora in corso all’Aja in capo alla Serbia una causa per genocidio, continuano le pressioni della comunità internazionale per la consegna da parte della Serbia del generale Mladic e del governatore Karadzic. Quello in atto è un vero ricatto, perché crediamo sia possibile ipotizzare, che il generale Mladic in realtà si trovi nelle mani della Nato, di chi deve azionare una trappola per la Serbia e i popoli dei Balcani, nella speranza che non sia ritrovato morto suicida o per cause naturali. Gli inglesi hanno arrestato Rakto Mladic ma qualcosa nel sistema non ha funzionato, mentre gli elicotteri erano in viaggio per Tuzla, le tv già lanciavano la notizia, una bomba ad orologeria scoppiata in bel mezzo di una polveriera. Questa storia verrà archiviata nell’arco delle prossime 100 ore perchè i grandi piani si devo realizzare. La notizia è scappata per un gioco, da parte dell’Aja e della Nato, che hanno annunciato la cattura del generale smentendo frettolosamente. In queste situazioni non possiamo ascoltare ciò che trasmettono i media internazionali, finanziati dagli stessi Banchieri, perché continuano documentare stragi mai avvenute e a demonizzare Paesi, dimenticando però che l’embargo in Iraq è costato la morte di 500.000 mila bambini e ora la guerra sta facendo un “genocidio” senza alcuna pietà. Pubblicizzano olocausti troppo velocemente, ma l’America è stato l’unico Paese al mondo a lanciare la bomba atomica, in accordo con gli inglesi, su Hiroshima e Nagasaki. Allora non fu istituito nessun tribunale internazionale nonostante abbiano causato milioni di morti. Evidentemente i tribunali dei vincitori in maniera unilaterale non sono voluti dagli Stati sovrani, sono finzioni virtuali sorretti dai media tramite studi psicologici sulla mente umana, apparendo invincibili perché legittimati.

Rakto Mladic è un generale, è un uomo che è riuscito a difenderci e che ha saputo anticipare le mosse delle forze internazionali per difendere il suo popolo. Per i banchieri però lui vale molto di più, e per il mondo intero vale biliardi, solo perchè creerà un diversivo distraendo più di due miliardi di persone per colpire qualcos’altro da un’altra parte.
Tutto lascia pensare che ci aspettano tempi durissimi, le borse potrebbero cadere da un momento all'altro, oppure un terribile attentato potrebbe colpire un paese che ha la bomba Atomica, per la legge del contraccolpo. Il piano è strategicamente perfetto. Due mesi fa sono affondate misteriosamente due navi, e il tunnel tra la Francia e l’Inghilterra è in perdita, bilioni di dollari da recuperare . Speriamo che nessuno faccia un bingo per prendere due piccioni con una fava.

Le “rapine” che ogni giorno vengono perpetuate ai danni dei popoli, il saccheggio dei banchieri dell’umanità stessa, ci hanno indotto a comprendere che la guerra è molto vicina.
Continua nel frattempo il saccheggio da parte delle Banche d’Affari, infatti solo pochi giorni fa Banca Intesa porta a casa il 45,93 % del capitale sociale di UPI Banka di Sarajevo, che con la quota del 35,03% detenuta in precedenza, sale all'80,96%, per un investimento che vale 196 milioni di euro, in attivo, e un utile netto di circa 2 milioni di euro. Mentre tutti guardano a destra, a sinistra comprano e privatizzano con un meccanismo sistematico, nella confusione e nel caos nessuno baderà ad una cosa “così banale”.

L’Europa, dal suo canto, sta sfruttando questo clima di tensione per fare pressione nei confronti degli Stati balcanici ad adeguarsi agli standard del patto di Maastricht, lasciano la Serbia e il Kossovo in mano alle bande. La Comunità Europea va dunque verso una realtà multietnica, nel ricatto di quello che gli esperti hanno definito “scontro di civiltà” : mettere i singoli gruppi uno contro l'altro per obbligare i governi a trovare in un’entità sovranazionale una vera identità e una sicurezza. Oggi per un semplice foglio di giornale il mondo islamico è in fiamme: ciò dimostra solo che i politici europei, posti al governo dieci anni fa, non sono altro che il marcio dell’Europa, perché pronti a prostituirsi per i Banchieri. Il nostro male non è l'Islam, nè Mladic, o i terroristi, il nostro male sono le banche.

23 febbraio 2006

I giochi della morte

Ieri la Etleboro ha preannunciato la pubblicazione di un importante documento, e oggi non a caso il nostro sito è rimasto bloccato per ore intere, senza tuttavia fermare la nostra attività informativa che con grande successo accoglie consensi in tutto il mondo, con migliaia di accessi giornalieri e di richieste di collaborazione da parte di giovani menti.
Etleboro è infatti una Tela che si estende come una rete distributiva, senza alcun potere centralizzato e piramidale, che promuove la reciproca collaborazione disciplinata da un codice etico dell'informazione, attualmente inesistente. Ma è proprio questo ciò che più fa paura: la creazione di schemi di poteri non piramidali, democratici che per le loro caratteristiche esaltano l'individuo come essere sovrano e autonomo.

Qualcosa di veramente terribile sta per essere attuato, è un gioco talmente sporco che non può essere descritto senza incutere panico .
Vi mostriamo un documento diffuso nel 2005 in Francia destinato all’ordine dei farmacisti, che fornisce istruzioni circa le operazioni di primo soccorso alla cittadinanza in caso di attentato nucleare, o di sabotaggio ad uno stabilimento. E’ infatti previsto la fornitura alle farmacie di compresse di iodio stabile e l’istallazione di “punti di prossimità” attraverso i quali distribuire le stesse compresse, nelle 6 ore prima o dopo l’esposizione. L’allegato alla circolare spiega infatti le modalità di assunzione e l’efficacia delle compresse sul sistema tiroidale. Viene in calce ricordato che in caso di allarme i farmacisti dovranno rendersi reperibili e disponibili 24 h su 24, 7 giorni su 7 per assistere la popolazione.


Lo abbiamo dichiarato un mese fa e gli eventi ci stanno dando ragione. Tra non meno di 20 giorni l’America svaluterà la sua moneta e creerà ancora un diversivo per distogliere l’attenzione della gente su tale notizia. Una guerra di sproporzionate dimensioni si sta preparando, come risultato di un meccanismo che è scattato con la consegna di Rakto Mladic. Si temeva una rivolta ,interna della comunità serba, perchè il piano consiste proprio nel di creare astio tra le due comunità dei serbi di Bosnia e dei serbi di Belgrado. Tutto questo gioco è fatto per il Kossovo: Baroni Ladroni sono ora all’opera per saccheggiare e per rubare, per depredare.

19 febbraio 2006

Finita l'era del petrolio, inizia quella dell'idrogeno. Come affrontarla?

Come è già successo nel secolo scorso con la rivoluzione industriale e la nascita del capitalismo anche oggi si ripresenta il problema di regolamentare la legislazione del lavoro a livello planetario come è già stato fatto nel secolo scorso a livello di singoli stati, con i contratti nazionali stipulati dai vari sindacati di categoria.

1)Alla globalizzazione senza regole come al capitalismo senza regole del secolo scorso si risponde con leggi e contratti a livello mondiale in sede O.N.U.

2) L'energia deve essere resa disponibile a tutti senza che nessuno possa usarla come leva di pressione e controllo su altri stati e nazioni. Come? Mediante l'utilizzo di centrale atomiche le cui scorie saranno eliminate un procedimento di fusione fredda che produce altra energia eliminado nel contempo le scorie radiattive trasformate in altri elementi non pericolosi e la produzione di idrogeno a basso costo x l'uso nell'autotrazione (tecnologia già segretamente disponibile ma non divulgata per impedirne l'uso da stati e nazioni ora in condizioni di neocolonialismo industriale).

3) I brevetti e copyright devono essere eliminati o comunque ridotti, entro un anno massimo onde evitare l'attuale neocolonialismo.

4) L'istituzione del cambio fisso delle monete a livello mondiale e del tasso di sconto deve essere portato al 2% per tutti gli stati onde eliminare la piaga dei grandi speculatori internazionali che mettono in crisi intere nazioni con le loro speculazioni sui cambi.

5) Occorre garantite la validità della "class action" nelle cause contro le multinazionali e gli istituti finanziari intraprese in qualsiasi nazione onde riequilibrare il potere di queste ultime nei confronti del singolo cittadino che ancora oggi deve sobbarcarsi se può da solo gli enormi costi della giustizia.

18 febbraio 2006

José Manuel Barroso al buio

Il parlamento albanese ha oggi ospitato José Manuel Barroso il quale, dopo i suoi soliti discorsi di europeizzazione, di sviluppo e di crescita, non ha risposto alle domande sul signoraggio e sulla OLAF, la struttura che indaga sulla contraffazione e la falsificazione dell’euro, implicata nel caso Vodafone Grecia ,per le intercettazioni telefoniche. Non a caso proprio due giorni prima il tecnico della Vodafone si suicida, ma la famiglia sostiene a gran voce il contrario.
E così, mentre Mr. Barroso parlava l’aula parlamentare è rimasta al buio a causa di un black out, accolto con un po’ da trambusto dall’illustre platea. Comunque noi siamo molto soddisfatti del fatto che il Presidente ha assaporato cosa significa vivere senza luce, dato che due mesi prima l’Albania è rimasta senza luce a causa di un atto di ritorsione da parte del Fondo Monetario Internazionale, in quanto il nuovo governo aveva chiesto la revisione del progetto di costruzione del TEC, ossia di un’enorme centrale elettrica destinata alla produzione di energia elettrica per aspirare il petrolio dal gasdotto AMBO. Un progetto gestito dalla British Petroleum, ma che invece verrà finanziato dalla banca mondiale, e dunque con fondi prestati con interessi addebitati al popolo.

14 febbraio 2006

Strangolata dai debiti, una coppia ha deciso di farla finita.

Jean-Pierre Petit
Emanuel Cartier ha sempre avuto l'impressione di vivere a credito, e gli piaceva. "Mia madre già ne aveva uno, era come l'aria che si respira". Ha contratto il primo appena dopo il suo servizio militare: era per un'apparecchiatura stereo. O allora una televisione? Gli era sembrato così facile che non conserva ricordi precisi. "Si vede un'offerta allettante, si chiama. Si riceve un formulario, lo si compila. L'assegno arriva 48 ore più tardi, come dice la pubblicità. Si fa tutto senza vedere mai nessuno, si rimborsa così poco che non ci si rende conto. E questo dà la sensazione di una vita dolce."

Dodici anni più tardi, Emanuel Cartier e la sua donna Patricia hanno sei conti in banca, 21 linee di credito, 15 carte magnetiche, circa 250 000 euro da rimborsare ma sempre lo stesso stipendio di operaio. Quando i pompieri sono arrivati a Laversines, il 19 agosto verso le 6:45, manuel Cartier li aspettava davanti al padiglione, tutto alla fine della lottizzazione. Piange. Dice che haucciso Alicia, la piccola di 11 anni, la seconda dei loro cinque bambini, quella che amava ballare con lui la techno, e che non respira adesso quasi più nella camera in fondo. Una donna in bianco scuote Emanuel. "Spiegatemi, devo sapere." Emanuel dice :"Qualcosa è venuta meno. Bisognava morire tutti." Patricia ed Emanuel Cartier compaiono davanti alle corti Assise di Beauvais per avvelenamento.

11 febbraio 2006

Speriamo che non ci scoprano anche qui!

Un anno fa moltissime banche italiane sono state condannate a restituire i soldi ai propri correntisti, perchè praticavano l’anatocismo, ossia il calcolo degli interessi sugli interessi passivi già maturati.
Su un fido bancario di 1000 euro, viene stabilito un interesse al 10%, la banca calcolerà l’interesse su 1010 euro, e non su 1000. Dopo anni di usura legalizzata, si è scoperto che più di 500.000 mila imprenditori erano stati truffati, molti sono falliti, alcuni arrestati , o comunque , in un modo o nell’altro, il normale corso della loro vita è cambiato. Altrettanto numerose sono state le denunce, e così i processi che hanno visto condannare le banche per danno biologico, a causa della pressione psicologica, dell’insistenza esasperante, del mobbing con cui i direttori santoni “ricordavano” ai debitori la scadenza della rata mensile, senza considerare né il come né il dove reperire i soldi. L’importante era chiudere il conto, o meglio, la truffa.
Nonostante la condanna resa esecutiva dal giudice, la restituzione degli interessi viene effettuata sempre alle loro condizioni, con i loro tempi. Oggi si ripete la stessa situazione, l’anatocismo esiste ancora, ma le banche e i santoni fanno finta di non capire, vorrà dire che dovremo spiegarlo per l’ennesima volta.

A questo punto è nostro dovere spiegare a Carla del Ponte, il procuratore dei crimini di guerra – che intanto si sta preparando a mostrarsi alle telecamere – quando Le verranno consegnati i cd. criminali, quale sia il vero reato, quale sia il genocidio sotto accusa, ossia l’etnocidio che commettono le banche, perpetuando delitti giorno per giorno, ora per ora.
Oggi si stima che più di un miliardo di persone sono morte, mentre circa 3 miliardi sono schiavizzate.
Giorgio Gaber, grande cantante Italiano, cantava nelle sue canzoni che il potere dei buoni, iscritto in tutte le associazioni, è il marcio del mondo intero.
Propongo che venga tolta la parola fallimento dal nostro vocabolario e che venga sostituita con Bankestein .

10 febbraio 2006

Etleboro, signoraggio e censure internazionali . Un'intervista a Michele Altamura


D :Etleboro, come definire tale organizzazione nata nel cuore della Repubblica Spska?

R: La Etleboro, più che un’ organizzazione di persone, può essere considerata un’organizzazione di informazioni, un insieme di dati statistici, economici e scientifici frutto di lunghe e elaborate ricerche, come può essere infatti evidenziato dal suo nome, acronimo di Elaborazioni Telematiche Libere Economiche Basi Operative Ricerca ad Oltranza. Partendo da tale base informativa e scientifica , tratta da fonti istituzionali, da indagini empiriche sul campo e sul nostro sistema economico di riferimento, oggi possiamo dire con fermezza che il nostro progetto è qualcosa che è destinato alla società tutta, un punto di partenza per una nuova era dell’informazione. Noi elaboriamo dati, ogni tipo di informazione tecnica, economica di utilità indispensabile per la piccola media impresa, esternalizzando un’attività di ricerca e sviluppo e di comunicazione interaziendale che non può essere sostenuta da un’impresa di modeste dimensioni. Il nostro obiettivo è infatti quello di concentrare un insieme complesso di informazioni in un unico organismo, da offrire alla comunità d’imprese ad esso associate, in modo da rendere efficienti i processi produttivi all’interno della singola impresa e dell’intera filiera produttiva ( dalla manifattura, alla distribuzione), per intervenire sulle distorsioni del mercato ad operi degli operatori ad elevata forza contrattuale. Noi cerchiamo di creare consorzi, nonché programmi informatici nel tentativo di dar vita ad una rete di comunicazione in cui le aziende possono coordinarsi e organizzarsi senza ricorrere ad accordi o contratti formali, senza perdere tempo, perché è su questo che si gioca la competitività e la flessibilità di un’impresa. In realtà noi cerchiamo di spiegare loro l’internazionalizzazione. Le imprese devono necessariamente cercare il baratto reciproco, devono garantire un livello minimo di produzione, ricercare costantemente materie prime, e poi agganciarsi ai consorzi , ai gruppi di acquisto. Tutto questo per sostenere contesti economici fragili, e che continuamente subiscono l’ingerenza di Stati esteri – se non proprio vere e proprie lobby finanziarie – che aggrediscono o addirittura saccheggiano le piccole realtà economiche. Infatti il furto è l’anima dell’opulenza. Ovviamente occorrono anche delle banche amiche, alleate, cosa che attualmente non si verifica: la banca è un vero conflitto di interessi e non può fare l’interesse dell’impresa se poi sfrutta una situazione di dipendenza.

D : Quando e come è nata la Etleboro?

R: Etleboro nasce in un contesto molto difficile. Ho avuto un’esperienza diretta con i media e con moltissimi giornalisti, ed ho notato che molte volte l’informazione era veramente manipolata. Inoltre gestisco e tratto data base da sempre, ho una grande esperienza che mi ha consentito di trovare delle informazioni considerate introvabili. Si costituiscono società ed enti di ricerche di mercato, rassegne stampe che tuttavia forniscono informazioni non utilizzabili o inutili per imprenditori specializzati nel produrre e non nel vendere.

Etleboro nasce durante la ricerca di un qualcosa che tutti cercano, di uno scoop giornalistico, di quello che viene considerato un segreto, per il quale si sono combattute guerre, e che poi si è rivelato una vera delusione, ma tutti quelli che si sono avvicinati alla verità sono morti in circostanze molto misteriose. In realtà Etleboro ritiene che oggi la vera arma delle banche e dei Governi dei Buoni sono i data base, sono i programmi computerizzati, che sentenziano i dazi doganali.
Oggi siamo seduti in realtà sul nulla, perché i soldi si sono dissolti nei sistemi informatici e paghiamo degli interessi sul nulla , dando in ipoteca case e beni veri. E così se vado in banca per un prestito devo restituire il 300% di quello che chiedo, pagando interessi usurai, a questo punto credo che sia molto intelligente e più leale nei confronti degli imprenditori usare le cambiali.
E la televisione continua ad accreditare strutture e a convincere la gente, che può guadagnare senza lavorare, quando in realtà la borsa è una truffa, così come è una truffatrice la Banca d’Italia che, essendo un istituto privato e non pubblico, ruba il signoraggio : siamo al ridicolo, chi ha preso soldi non sapeva perché, e chi ha fatto i bilanci neanche, insomma una massa di idioti al centro del potere.
La Etleboro ha uno scopo di fondo molto profondo, cioè quello di creare un data base di leggi e di notizie pubbliche, liberamente accessibile tramite un computer, all’interno del quale i media che disinformano sarebbero passibili di una sanzione. Oggi la rete è molto disorganizzata, un risultato del tutto intenzionale, e i grossi motori di ricerca sanno benissimo di cosa stiamo parlando: la disinformazione è la nuova arma, così come i data base e i programmi che reggono i sistemi monetari e valutari. La disinformazione è il nemico da combattere.

D : Il cancro del sistema dunque sono i data base, i sistemi computerizzati in cui si perdono i soldi, la disinformazione, le banche che diventano antagoniste e usurano su qualcosa che non c'è. Qual è il meccanismo sotto accusa?

R :Allora prima di tutto una banca è una struttura privata, che, tramite i suoi sistemi informatici virtualizza il denaro, eroga prestiti per un ammontare superiore a quello risultante dal capitale sociale e dai crediti, basandosi sul ragionamento di fondo che nessuno chiederà la restituzione dei propri soldi nello stesso giorno. Così la banca ha la possibilità di virtualizzare le proprie attività anche per 50 volte il capitale effettivamente esistente. Dove sono i controlli allora? La convenzione di Basilea è composta da 13 gruppi bancari, privati, ma in ogni caso il rispetto dei parametri e della correttezza non è garantito, e desidero sapere allora quali sono i mezzi a disposizione della guardia di finanza, della magistratura per poter controllare questo. Evidentemente non esiste una cartella, una carta di identità del programma. Deve esserci un ente, una struttura statale che abbia il controllo, altrimenti le strutture economiche, le banche , con la complicità dei mass media, possono conservare indisturbate un potere sovranazionale, lo stesso che detiene il WTO.
Etleboro ha le prove chiare che i media attuano una manipolazione, fanno opera di convincimento, accreditando certe strutture come intoccabili. Nessun telegiornale, nessun media ha fatto notare che i titoli crollavano a picco dopo l’attentato dell’11 Settembre, non si è vista nessuna fila davanti gli sportelli bancari, il fattaccio era già stato deciso e organizzato a tavolino, dagli stessi speculatori che avevano comprato e acquistato quei titoli prima dell’attentato.
Voglio inoltre aggiungere che il debito è una vera e propria patologia , provoca effetti negativi sull’uomo. Ma non lo affermo io, lo dichiarano i rapporti dell’ONU, degli scienziati. Rivolgetevi alla scienza vera. È ora di finirla con tutta questa gente che imbroglia, stipendiati con milioni di euro per imbrogliare il popolo. Non ci sono soldi per la ricerca? Ma questa è una grossa idiozia!
Le banche e i banchieri devono smettere di possederci, di possedere la ricchezza di un’economia, sono criminali, usurai, ricattano la gente pagando cassieri e dipendenti ben vestiti per dire le più grandi bugie del mondo, a dirci che questa è la “Politica bancaria”.
Tutti sanno che le banche sono il cuore del riciclaggio internazionale, senza una banca e impossibile farlo. Occorrerebbe un’indagine seria, come quella di valorosi uomini come Giovanni Falcone, che vada ad aprire i forzieri della Svizzera e di questa miriade di Stati off shore per trovare il marcio del mondo intero, invece di dare informazioni banali e ovvie. Per fare una nazione ci sono voluti migliaia di anni,per fare una banca basta un solo giorno, non credete a questi truffatori.

D : Qual è il ruolo della politica in tutto questo?

R : I politici spero che non siano camerieri dei banchieri , oppure che non prendano l’osso spulciato da loro perché allora noi siamo alla fame. La politica non comanda nulla, la politica è saltata quando sono caduti i muri dell’est e dell’ovest, adesso non esiste più, esistono le aziende, le alleanze di gruppi che, forti di un potere contrattuale fortissimo, aggrediscono senza pietà alcune zone del mercato globale, fregandosene di tutto. La politica non gestisce più il sistema economico dal momento che accetta un debito pubblico che serve solo a pagare l’interesse del capitale, e se il capitale non si estingue mai, noi saremo costretti a venderci anche l’ultimo tozzo di pane. Tutto ciò senza considerare poi che se siamo arrivati al punto di privatizzare l'acqua, significa che questa gente ci sta portando chiaramente alla rovina.
E se la politica non comanda, e i gruppi multinazionali irrompono nella piccola e media economia nazionale, e se le banche usurano sul nulla, significa che Etleboro ha ragione.

D : Anche la politica europea allora è fallita?

R : La gente non è stupida, l’Europa è fatta da banchieri, da gente che beve vino buono e pensa che qui ci sono delle scimmie , mentre loro come santoni parlano di umanità, dopo aver rubato miliardi , vivono in grandi ville con servitù al seguito, e continuano a guadagnare miliardi con i telex . Mangiano le ostriche, mentre il popolo deve mangiare würstel di gomma . Credono che la gente non capisca, pretendono di stampare i soldi, per poi affittarli alla gente!
E così hanno bocciato l'Europa. La gente non crede più nell’idea dell’Europa perché si sente derubata, schiavizzata, perché l’Unione Europea non può essere fatta dai banchieri della Bce e da politici che hanno firmato un accordo senza alcuna investitura da parte del popolo sovrano. Ecco un altro trucco del sistema bancario! La Bce non è leale, nasconde i propri proprietari e fa una truffa ai danni dei cittadini, che , dal canto loro, anche se non capiscono i meccanismi tecnici, si sente sempre più povera e derubata, proprio perchè pagano un falso debito.
E poi perché l’Inghilterra, azionista della Bce, continua a percepire il signoraggio europeo pur non facendo parte dell’Unione monetaria. Questi signori non rispondono mai, dovrebbero dar conto a noi ma invece ci ignorano.

D : Quali sono secondo lei le falle del sistema che possono in qualche modo fornire un idea, una prova tangibile, di quello di cui lei parla?

R : Comincerei, innanzitutto da Al qaida. Io personalmente ne ho un’idea profondamente diversa rispetto a quella di moltissimi giornalisti. Al qaida era un semplice Data Base dove erano contenuti i nomi dei cdd. “combattenti della libertà”, o se si preferisce, dei terroristi. Ma è anche qualcosa di più , è un data base le cui origini risalgono al 1969 , e se può interessare, hanno un profondo nesso con la @ utilizzata nel linguaggio di internet. Nessuno osa dire certe cose, e chi le ha dette è finito in carcere, oppure è stato ammazzato, questo perché una potenza ha fondato tutta la sua strategia per il controllo del mondo e delle sue risorse, sulla salvezza dal terrorismo. In realtà noi cerchiamo un “signor internet”, qualcuno che non esiste. Bin Laden è ricercato dal 1998 dall’Interpol di Tripoli, il primo ordine di cattura è stato fatto perché è evidente che il colonnello Gheddafi non era stupido, e aveva capito che questa banda era manipolata da ben altro.
L'11 settembre è stato architettato per servire ad una serie di lobby, banche, industriali e petrolieri. L’11 settembre l’America non aveva scelta, doveva esserci qualcosa, e uno degli elementi più interessanti è che l’Iraq aveva deciso di contrattare in euro e non più in dollari. A livello economico doveva essere una specie di catastrofe finanziaria, e chi sapeva ha giocato bene le proprie carte in borsa, ad esempio con delle azioni con opzione put, con le quali si compra il diritto di vendere un certo quantitativo di azioni alla scadenza dell’opzione o di un certo periodo ad una somma prestabilita, così guadagnando sulla differenza tra quanto stabilito dall’opzione e il valore attuale del titolo. L’ attentato , infatti , è veramente spettacolare, è qualcosa che ha fatto sciogliere le scatole nere, in modo da dare la possibilità ai tecnici e ai manipolatori di notizie di costruire le congetture e le ipotesi più assurde. Io credo in realtà che sia stata una demolizione controllata, e a far crollare le torri non sia stato il calore prodotto dallo schianto degli aerei, ma l’esplosivo appositamente e strategicamente collocato al loro interno. Tra le altre cose, nel momento in cui è avvenuto tutti i capi erano nelle macchine e nessuno aveva ancora preso posto in ufficio .


D : Al qaida è un data base, una rete informatica. È strumentalizzata e da chi?Loro vogliono
disseminare terrore, ma colpiscono i centri finanziari intenzionalmente. Quindi non è una questione di guerra santa, o di lotta contro l'america e i suoi alleati.

R : Bisogna chiarire innanzitutto che io non accuso l’America o gli americani, semplicemente all’interno di certe strutture chiavi personalità politiche e dirigenziali sono direttamente controllati da lobby, da strutture economiche sovranazionali, e le motivazioni politiche servono solo a giustificare guerre, interventi aerei, e il saccheggio degli Stati . Al qaida è un pretesto, un nemico invisibile, dà la possibilità di figurare e di visualizzare contro chi si deve combattere e chi si deve distruggere, perché si ha sempre bisogno di un “cattivo” per capire chi sono i “buoni”. I politici, i presidenti , sono dei ricattati, sono dei burattini nelle loro mani, dei pappagalli , perché in realtà è il sistema nel suo complesso che comanda. I servizi di intelligence non hanno soldi per combattere queste forme di criminalità che altro non sono che piraterie informatiche, uno Stato è una macchina burocratica che ha bisogno di tempo per mettersi in moto, ed è sul tempo che giocano tutti. Basti pensare ad un esempio banale. Se le banche rubano ai cittadini 100 euro sul conto corrente, dopo 10 anni se ne accorgono, e le cause eterne risarciranno il ricorrente ancora in vita di una percentuale di ciò che è stato requisito, ma non oltre una soglia media del 10%. È un furto fatto e pensato a tavolino, hanno talmente ben architettato la truffa che pensano ormai di essere nel pieno diritto a farlo.
I problemi attuali provengono dal passato, e i detentori del potere fanno finta di non ricordare, adesso sembrano tutti dei rinati, in realtà sono complici per aver venduto il paese. Se volete sapere chi avete davvero di fronte bisogna tornare al 1968. Dietro l’omicidio di Kennedy , così come dietro a quello di Abramo Linkon, non esiste altro che la fine degli Stati nazione, basterebbe andare a vedere chi ha guadagno da questa cosa, non serve la Cia, o la Nasa, serve qualcuno che sa a mala pena scrivere. Kennedy fu ammazzato in seguito all’emissione di un emendamento che toglieva il diritto di emissione alla FED e usare lo USD dollar.

D : Chi sono questi “personaggi”, chi detiene il potere e il sistema?

R : Stiamo parlando di un mondo nuovo e sconosciuto, tutti parlano di lobby e tutti parlano di un insieme di gente che si accorda tra di loro, ma alla fine è solo disinformazione. La verità è che sono pochissimi e non sono più di 20 famiglie nel mondo che hanno il controllo di fatto, mediante un sistema costituito da server in cui si concentrano e confluiscono tutti i centri di statistica sparsi in giro per il mondo, che elaborano dati e ritrasmettono tutto alla cellula madre. Questi signori non hanno bisogno di ciò che convenzionalmente si crede, detenendo l’informazione hanno già tutto. E se sanno che la popolazione è aumentata , con un tasso di mortalità più basso, gestiscono l’andamento dei prezzi e della produzione di conseguenza.
I programmi controllano rigorosamente, e i pappagalli devono obbedire altrimenti saranno mandati via mediante scandali di “merendine rubate”. I governi attuali, spodestati dei loro dittatori, vengono rimpiazzati per la maggior parte delle volte da criminali incalliti vestiti con giacca e cravatta. La cultura viene negata , stanno distruggendo le università , che ormai insegnano cose inutili, da ripetere senza cognizione di causa, perchè non servono a nulla, mentre i cervelli e la vera intelligenza viene assoldata dalle multinazionali. Prendono la nostra mente perché sanno come manipolarla, sanno essere attori, sanno confrontarsi, sono organizzatissimi, abbiamo un nemico che si chiama non al qaida, come vogliono farci credere, ma Base dei Dati, i centri di analisi interrati, dove lavorano i più grandi cervelli del mondo comprati e manipolati.
Questo è il vero crimine, e questa è la nuova era , l’era in cui Etleboro ha il coraggio di dire le cose come stanno, ciò che tanta gente in punto di morte ha detto per liberare la propria coscienza , ed è per questo che sono qui a creare, in un certo senso, una nuova resistenza, per affermare l’inconfessabile, per rivendicare la ragione degli emigranti, e per tutto il male che questi signori hanno fatto , per tutto il marcio a cui ho assistito, che al solo pensiero non si può che impazzire. Ho cominciato a fare tutto questo tanto tempo fa, e mi sono scontrato con un mondo nuovo e sconosciuto alla massa. Siamo in pochi a saperlo, e molti sono ossessionati, molta gente ha deciso di vivere, di scappare e diventare contadino. Io sono rimasto qui, e a volte penso davvero che le persone mi credano pazzo. Ho fatto lavori umili, ho cercato di avere un’altra vita, ma ho continuato sempre su questa strada, per poter capire e poi spiegare tantissime cose. Io non sono pazzo, e sarebbe meglio cercare di capire perché una persona dice di essere pazza, e non ascoltare psichiatri illustri che ancora non riescono a guarire la pazzia, e non sanno fare altro che domande molto costose che le mie ex suocere facevano gratis.

D : Sulla base di tali congetture è possibile dunque spiegare tanti altri eventi.

R : La prova che esistono queste strutture internazionali è lampante. Vengono creati tribunali al di fuori della legge, dalle stesse lobby che hanno creato la guerra, e che dunque non hanno nulla di imparziale. Desidero allora sapere su quale base giuridica verrà sentenziata una pena per Saddam Hussein, o per Miloschevic , arrestato come oggi la Cia arresta i terroristi, dato che non esiste un codice di procedura internazionale riconosciuto. È così assurdo che la procuratrice Carla Del Ponte non tenga conto dell’uranio con cui è stata bombardata la Bosnia e altre parti del mondo, e che gli ambasciatori e i politici ancora continuino a fare conferenze stampa, a privatizzare tutto indebitando la popolazione, a far crescere la criminalità , accusando povera gente che non vuole altro che la Serbia. Li accusano di nazionalismo, solo perché vogliono le stesse cose per cui anche i nostri antenati hanno combattuto, salendo sui carri armati, facendo barricate, solo perché difendono degli ideali o una bandiera. Oggi invece sembra giusto e legittimo difendere il mercato delle multinazionali e delle banche.
Quello che hanno fatto queste famiglie con la complicità di nazioni sull’orlo del fallimento, è terribile , e ancora continuano a fantasticare sulle armi di distruzioni di massa in Iraq , mentre invece le buttano loro , sostenendo poi che il fosforo bianco serve solo ad illuminare e se cade per terra è del tutto accidentale.
Cercate di capire anche la bassezza e il livello infimo di questa schiera di vili servitori, che solo per avere elicotteri, ostriche e donne al seguito, dice le più subdole menzogne. Carla del Ponte, l’ambasciatore americano e quello inglese, raccontano storielle da quattro soldi, che , se i giudici tutti e la polizia fiscale cominciassero realmente a fare un’indagine seria, sarebbero subito smentite così come l’intero complotto verrebbe alla luce. Sembra che sia più facile sostenere una cosa mai successa, raccontare assurdità e creare un embargo mediatico, informativo, economico e ridurre il popolo alla fame, crimini che poi saranno ammessi dai presidenti solo nel momento in cui anch’essi sono sull’orlo del burrone, che dire la verità.
Mi riferisco a Sebrenica, che non è altro che una guerra tra ONU E NATO. Oggi si parla di NATO e non più di ONU. I serbi di Bosnia non devono essere più chiamati serbi ma Bosniaci, e occorre cambiare tutta la loro storia, le loro tradizioni, solo perché qualcuno ha deciso così. Desidero sapere perché non si fa un’ indagine seria sulla Coca-Cola, sulle armi vendute nei supermercati americani. Sarebbero meglio che questi impostori stiano zitti, dato che fanno tutto questo casino solo per caviale, ostriche e donne al seguito.
Esistono tantissime nuove tecnologie, quella solare, lo stirling , la fusione fredda, ma è come dire ai banchieri di smettere di fagocitare ogni cosa . Per cui sarebbe preferibile cominciare a fare qualcosa per convincerci che il nostro nemico è dentro di noi , e , invece di buttare la nostra anima nel materialismo, ritornare alle tradizioni dei popoli. Non è possibile più accettare che i ricchi diventano sempre più ricchi, e noi sempre più poveri perché dobbiamo lavorare dalla mattina alla sera per pagare un debito inestinguibile.

L'era della privatizzazione e dei debitori

Sentiamo parlare spesso di privatizzazione, soprattutto nelle dichiarazioni di “certe” associazioni e di pappagalli che si accreditano esperti e operatori dell’alta finanza.
Ma cosa accade in un’operazione di privatizzazione?
Nella maggior parte dei casi, una società non dispone dei mezzi finanziari necessari per acquisire un’azienda o il capitale di maggioranza di una società, così si rivolge a dei finanziatori, a delle banche, o meglio a grandi banche d’affari estere. Il prestito viene erogato prendendo come garanzia il capitale della società da scalare, il suo patrimonio o la sua capacità di credito. Viene presentato un progetto industriale, un piano finanziario che deve indicare le ragioni “economiche e imprenditoriali” dell’operazione , firmato e controfirmato dagli “esperti” e dalla società di revisione, e questo a quanto pare basterebbe a giustificare la correttezza e la ragionevolezza della scalata. Questo progetto dice che “Io società voglio comprare la Telecom, per questo chiedo a voi un finanziamento, e dopo la fusione il prestito lo restituisce la Telecom stessa”: questo è lo schema dell’operazione. L’acquisizione, e in questo caso la privatizzazione, non crea capitale nuovo per un’azienda, anzi l’azienda inglobata verrà indebitata per restituire i soldi, il suo patrimonio verrà smembrato e venduto, o ancora interi rami d’azienda verranno scorporate, la liquidità in cassa rubata. Imprese economicamente sane, vengono colpite per nutrirsi da loro come parassiti.
È ciò che accaduto nel caso Telecom, ed è ciò che accade adesso nell’acquisizione di raffinerie oppure di centrali elettriche.
È un sistema in cui i due soggetti – chi vende e chi compra – si scambiano i ruoli: alla fine paga chi è comprato, ed è questo che è successo con tutte le privatizzazioni. Chi ha guadagnato dalle privatizzazioni sono le grandi banche d’affari straniere.
In passato i ladroni erano i pirati, oggi i poteri si sono riformati nelle organizzazioni dei Buoni, iscritte nelle associazioni internazionali, che additano come nazionalisti, criminali e terroristi chi invece contrasta le privatizzazioni.
Chi lo avrebbe mai detto che saremo arrivati nell'era dei debitori...

Marzo di Sangue e nuovo dollaro

L'america sta valutando segretamente di stampare nuovi dollari "United States notes", "Note Statunitensi", in sostituzione dei tradizionali dollari "Federal Reserve Notes".
Proprio come voleva fare Kennedy, infatti gli unici che ci guadagnarono da quella morte furono la Federal Reserve ed Israele.
Oggi Bush si trova nella medesima situazione e pare che effettuerà la riforma entro marzo, visto che non ha altra soluzione. A meno che non si prenda in considerazione l'alternativa, geopoliticamente dislessica, di bombardare l'Iran che sta istituendo una borsa che tratterà petrolio in euro (petroeuro): questa iniziativa, infatti, svaluterebbe il vecchio dollaro rendendolo carta straccia.
L'uovo di Colombo consiste nello stampare "Note Statunitensi", ovvero biglietti di Stato, per non rimanere nelle mani dei soci della Federal Reserve, che è una società privata che pare abbia addirittura la sede legale a Portorico.

Il governatore della Federal Reserve, Alan Greenspan, il 31 gennaio se ne va in pensione. Il nuovo, Ben Bernanke, ha deciso di non pubblicare più i dati di M3, ovvero la quantità totale dei vari tipi di dollari emessi: in pratica, potranno stampare soldi a più non posso senza che nessuno se ne accorga.
Non a caso sono uscite delle leggi strane sulla legittima difesa, in vari paesi.
In Italia, Berlusconi ha chiesto 15 giorni in più prima delle elezioni.
Si sta giocando questa grande partita monetaria facendo di tutto per distogliere l'attenzione da questo piano. Ad esempio, hanno deciso di far consegnare proprio ora Mladic alla euromagistrata Carla Del Ponte. La mente raffinatissima della Corte dell'Aia è già al lavoro nelle varie boutique per comprare giacche, foulard e per qualche ritocco alle rughe: per poi pavoneggiarsi come al solito davanti alle telecamere.

Mentre infuriava la polemica sul signoraggio del Marco Convertibile, il governo della Srpska è caduto sotto un accordo chiuso tra tre persone. Queste si spartiranno le sedie storte: un serbo sarà il vice primo ministro. Il loro abietto obiettivo è di scaricare sulla polizia la consegna di Mladic, infatti il Topolino dell'Aia sta parlando di collusioni della polizia nel mercato della
droga.
Evidentemente si è consultata con Soros, che lui di droga se ne intende.
Tutto questo scenario accadrà nei prossimi giorni mentre tutti i media sono già pronti a deviare l'attenzione da quello che sta per succedere col dollaro.
Tutti sono al lavoro per privatizzare tutto e consegnare ai pirati quello che
rimane.

08 febbraio 2006

La moneta sociale riparte dai Balcani?


Crediamo che finalmente saremo capiti, e che l’amministratore Christian Schwarz-Schilling non ci deluderà di nuovo, perché, essendo nato a Innsbruck, potrà comprendere. A Innsbruck si sono stampate valute complementari, così come in Germania. Grazie a Dio, è anche diventato tedesco, così potrà capire noi, che vogliamo la Valuta Complementare, visto che in tutti e due i suoi paesi questa è stata emessa.

Siamo onorati che lui possa capirci dopo che noi, come piccolissima struttura, abbiamo indagato sulla truffa colossale che le banche stanno perpetuando nella Rep Srqska, ogni giorno, minuto per minuto. Abbiamo anche chiesto a Trasparency International di indagare su quelle banche che rastrellano la ricchezza della gente. Stiamo ancora aspettando.
Ma sicuramente sono troppo occupati: eredità della gestione di Bobby McNamara, quello che si è riciclato come banchiere dopo la guerra nel Vietnam.

Comunque, siamo fiduciosi perché crediamo fermamente in questo progetto, che potrebbe far scoppiare la pace tra Musulmani, Croati e Serbi. Perché le religioni sono con noi. Possiamo sederci assieme attorno ad un tavolo, perché tutti condanniamo l’usura, che oggi viene applicata nella BHI.
L'usura viene condannata anche dall’ONU, l'usura porta stress e moltissime patologie.
Questo l'abbiamo capito dalla Germania, dalla profesoressa Margrit Kennedy che ha creato la rete delle monete complementari proprio nel paese del Nostro amministratore.

Siamo molto felici perché almeno possiamo collaborare con un popolo che ha capito l'importanza essenziale dell'esercizio della sovranità monetaria.
Possiamo essere fianco a fianco: possiamo abbracciarci per un’ unione unica ed eterna.
Possiamo essere fianco a fianco: possiamo abbracciarci per una unione unica ed eterna.
Anche perché noi ricordiamo che: "In NESSUN CASO un popolo può essere privato dei propri mezzi di sussistenza." [punto 2, art.1 del "Patto internazionale sui diritti economici, sociali e culturali", adottato dall'Assemblea Generale dell'ONU il 16/12/1966]

Transparency International : La madre di tutte le madri.

Mia nonna quando l’ha visto alla tv, ha detto: “Ma che bravo ragazzo, quel Boris Divjaka, così impeccabile con la sua giacca nuova, poi così intelligente”.
Il nostro eroe, rappresentante di Transparency Internation nella Repubblica Srqska con sede a Banja Luka, ha detto che tutti i politici sono corrotti. Ma bravo, il bue che chiama cornuto l’asino! E poi subito dopo consiglia di vendere, di privatizzare tutto, per renderci tutti schiavi.
Ma bravo davvero! E pensare che per dire questa cosa è andato a Londra per studiare, dopo tanti anni di studio la sua intelligenza ha dato questi risultati.
Sull’affidabilità delle sue affermazioni garantisce Transparency International, che, guarda caso, è stata creata dal fondatore della Banca Mondiale, insomma un garante d’eccellenza.
Allora chiedo a te, che sei un grande sapiente, un uomo di mondo che a Londra ha visto la vera economia, perchè non fai una bella indagine sulle banche?
Perchè fai il pappagallo e ripeti le cose che ti dicono di dire?
Perchè non chiedi dove va a finire il signoraggio della banca centrale?
Perchè non accerti la proprietà del Marco Convertibile?
Perchè allora non privatizzare le aziende già fallite, e non solo quelle buone?
Perche non vai dal giudice e denunci i politici Ladroni?
Perché non elenchi tutte le proprietà di Banca intesa e di Unicredit in Bosnia?
Perchè non dici chiaramente cos’è il Debito Pubblico, invece di raccontare filosofie.
In Equador da 40 anni raccolgono il caffè con le mani e muoiono di fame, mentre il caffè viene venduto in tutto il mondo.
Perché? Perché? Perché?
Caro Boris Divjaka, più volte ti abbiamo scritto, ma sei sempre sparito, come mai?
Sono andato nelle tv , ma ancora non rispondi. Sei andato in Inghilterra , e con una giacca nuova sei tornato a dirci che siamo degli stupidi.

07 febbraio 2006

Cosa si nasconde dietro i governi e i segreti delle organizzazzioni sovranazionali,dietro il potere bancario e le forme di governo centralizzate.


Questa foto è la dimostrazione che il Serpente riesce ad ingannare la nostra percezione della realtà, e che pochi uomini conosco la reale uscita da questo sistema. Riescono a cambiare le costituzioni e le loro fasi senza toccarle, e a uscirne poi come potere dei Buoni.
La Etleboro conosce il vero segreto di questo sistema, di un potere che viene ogni giorno manovrato e strumentalizzato solo da un trucco ottico. In realtà chi tiene i fili del sistema si impossessa di tutto, anche del sapere e delle giovani intelligente.

Bosnia, Convegno sulle misure dello sviluppo economico nel 2006

L'International Business Forum Perspektive ha organizzato ieri un incontro nella città di Mrakovica, in provincia di Prijedor, nella Bosnia Erzegovina, con il tema "Misure dello sviluppo economico nel 2006."Più di 90 partecipanti e 19 oratori, sul tema della situazione economico-politica, hanno offerto le loro proposte di sviluppo nel prossimo periodo. Nelle varie discussioni si sono affrontati i seguenti temi: perché la produzione nella Bosnia Erzegovina è in una situazione catastrofica ? Perché gli imprenditori si sono trovati nella posizione di avere contro di loro delle leggi non adeguate alla situazione sul campo?
Vinko Peric, Presidente dell'Associazione degli Imprenditori della Repubblica Srpska, nel suo discorso ha considerato che è inutile discutere nel momento in cui non si possono avere dati statistici esatti e non manipolati: per averli si dovrebbe fare una ricerca scientifica approfondita. Peric ha presentato l'intervento del sig. Michele Altamura, consigliere dell'associazione imprenditori e rappresentante per i Balcani del Centro Studi Monetari.
Altamura ha sottolineato che il più grave problema nello sviluppo della produzione trova origine nel sistema monetario, nella politica di usura delle banche e nei sistemi creditizi che chiudono questo "circolo della morte" in cui versano le imprese. Queste aziende, già distrutte dal sistema, non hanno possibilità di andare avanti.
Una delle più importante questioni è quella del controvalore del Marco Convertibile (KM), di cui si è chiesto conto al governatore della Banca Centrale Bosniaca: ma quest'ultimo, che è stato uno degli organizzatori della manifestazione, è dovuto andar via prima della fine dell'intervento.Questa è l'ennesima volta che il signor governatore Kemal Kozaric non dà risposte chiare sulla questione della moneta, forse perché è veramente molto occupato ed affaccendato.

Rivoluzione Economica nella Repubblica Srpska?La ONG Etleboro all'attacco delle banche centrali nei Balcani.


Oggi, 17 febbraio 2006, alle 11.30 all'interno degli uffici della Etleboro e stato siglato l'accordo tra la ONG Etleboro, amministrata da Michele Altamura, e la associazione Urpps [associazione degli imprenditori serbi, n.d.w.] presieduta dal dott.Vinko Peric.

L'accordo consiste la salvaguardia dell'economia della Repubblica Srpska, che attualmente è pesantemente posseduta dal sistema bancario.
E' stata convenuto che la Etleboro dopo le indagini effettuate da un anno, ritiene di aver trovato la giusta soluzione al problema, sostenendo che sta avvenendo un etnocidio ai danni dei serbi di Bosnia tramite l'emissione del denaro. Da quel momento Etleboro si è impegnata a far arrivare una serie di economisti internazionali, l'impegno è stato mantenuto, riuscendo a coinvolgere l'avvocato Marco Della Luna, autore del libro "Euroschiavi".
Etleboro ha proposto la moneta complementare agganciandosi alla teoria dell'economista Nino Galloni che ha già dato la sua disponibilità a venire a Banja Luka.
Oggi le imprese sono tutte ricattate dal sistema bancario e Michele Altamura non ha escluso l'imminente arrivo di un pool di giovani menti universitari di vari paesi, a sostenere avvocati della Repubblica Srpska e l'aiuto tecnico legislativo per intraprendere una azione di massa legale sulla revisione di molti crediti concessi dalle Banche.
In base alle leggi democratiche, scritte nero su bianco, "in nessun caso un popolo può essere privato dei mezzi di sussistenza". Attualmente la gente fa crediti pagando un tasso dal 12,5% fino al 26% e questa "è una rapina", ha commentato Etleboro.
"Noi ci batteremo con la scienza e l'intelligenza chiamando attorno a noi tutti, veterani, uomini, donne e bambini per sostenere il principio etico del credito".
Il dott. Vinko Peric emozionato ha detto non c'era bisogno del contratto perché questo è un patto di grande civiltà, rispetteremo la nostra parola sostenendo che «se noi non possiamo fare nulla per noi stessi cosa possiamo aspettare che gli altri facciano per noi?».

Generali veniteci a liberare! Sappiano e conosciamo quali sono le sigle del raket e della mafia internazionale

di Michele Altamura
16 gennaio 2006

Abbiamo 3000 nomi grazie all’ europarlamentare James Bond (il parlamentare danese Jens-Peter Bonde) che dopo diverse interrogazioni parlamentari è riuscito ad ottenere una lista dei signori della guerra e delle privatizzazioni, di chi muove i fili delle marionette e le lingue dei pappagalli. Circa 3000 commissioni di esperti e professionisti che in maniera segreta affiancano le istituzioni europee nel legiferare e nel controllare l’intero sistema economico, finanziario e sociale. Organismi sovranazionali, non eletti, non controllati, ma sorretti da un manipolo di esperti professionisti, di avvocati eccelsi e banchieri che in maniera invisibile decidono direttive e regolamenti, nonché sentenze e censure. Chi decide sugli standard europei di formazione e di informazione, chi decide le quote di produzione e chi l’armonizzazione fiscale o le regole di concorrenza? Diamo la nostra vita e difendiamoci con il coraggio e la scienza perché abbiamo il dovere morale e il compito di non lasciarci possedere dalle banche.

E’ ora di aprire gli occhi, di svegliarsi dal torpore per capire che una guerra è in atto, una guerriglia per sfuggire al controllo e riappropriarsi dei propri diritti.

pdf della lista dei 3.000 "illuminati" (versione francese)
Mirror: lista dei 3.000 "illuminati" (versione francese)

Vedi anche: I protocolli dei Savi Anziani di Francoforte

06 febbraio 2006

Michele Altamura intervistato dalla TV di Stato della Repubblica Srpska, RTRS, sulla questione del signoraggio

Lunedì, 16 gennaio 2006, ore 18.15

La televisione di Stato della repubblica Srpska manderà in onda l'intervista a Michele Altamura registrata l'undici gennaio 2006. Altamura, fondatore della ONG Etleboro che rappresenta il Centro Studi Monetari nei Balcani, ha dichiarato apertamente una sfida alla banca centrale, dopo i suoi eccessi di silenzi. Il rappresentante di Etleboro invita ad un dibattito aperto e pubblico la ONG Trasparency International ed il sistema bancario per indagare sulla questione monetaria e sul signoraggio.
L'intervista è un inarrestabile torrente di parole, un'accusa aperta alle banche di essere criminali e di essere responsabili di Etnocidio. Michele Altamura sta rompendo questo Muro di silenzio con tutti i mezzi possibili.

“Siamo posseduti da questi criminali - ha dichiarato - che ci hanno fatto diventare spettatori, ma in realtà siamo i protagonisti perché noi paghiamo le tasse su un debito, che non si estinguerà mai, solo perché abbiamo dei baroni ladroni. Il sospetto sul sistema dell'emissione monetaria nei Balcani diventa sempre più incontenibile ed è bene non fermarsi dinanzi alla cosiddetta propaganda”.

Altamura è riuscito ad unire più di 200 imprenditori, tramite l'associazione degli industriali, per recuperare la sovranità monetaria.
Se l'intervista non andrà in onda, si promuoverà un importante sciopero che è quello dei "debitori". Ricordiamo che la comunità dei Serbi di Bosnia è piena di debiti e che è stata fatta una propaganda negativa dall'occidente accusandoli di crimini mai commessi.
Mentre una grande partita si sta giocando, col ritorno dei vecchi protagonisti della vecchia politica, un clima duro si addensa sulla Etleboro: tutti fanno quadrato attorno al suo fondatore, che ha detto, infine: “Noi esistiamo, noi sappiamo e riprenderemo il ‘nostro’ ”.

Etleboro, la resistenza al colonialismo

di Sveti Marko

Quando una potenza coloniale conquista una nazione e ne fa una sua colonia, prima di tutto le impone la propria moneta. La gente della nazione colonizzata dovrà usare la moneta colonialista, emessa dalla potenza colonizzante (a costo zero per essa) in tutti i suoi scambi interni e per pagare le tasse. Per ottenerla, deve pagarla alla potenza colonizzante – di solito cedendo o svendendo risorse naturali. In tal modo la potenza coloniale si arricchisce a spesa della nazione colonizzata: si fa pagare pezzi di carta, che non le costa quasi nulla produrre, con beni e servizi reali, che invece costano lavoro a chi li fornisce. Michele Altamura, dell’ONG polietnica Etleboro, ha un nome preciso per questa pratica: signoraggio coloniale.
Altamura lancia pubblicamente, attraverso tv e giornali, una pesante denuncia: la Banca Centrale Europea (un’istituzione privata e proprietà di capitale privato) sta facendo la medesima cosa, oggi, con la BiH, perché la BiH, per emettere i suoi KM., deve procurarsi Euro – una copertura del 100% – ovviamente dando qualcosa in cambio degli Euro stessi. Il che, per la BiH, equivale a pagare un tributo alle banche socie della BCE. Un tributo gigantesco, pari alla massa monetaria più gli interessi sul debito pubblico. In cambio di pezzi di carta che alla BCE costano quasi nulla, e soprattutto niente aggiungono ai KM. Perché allora non stampare i KM in proprio? Perché non risparmiare le risorse nazionali anziché donarle ai padroni della BCE? Questo chiede Etleboro, ma non solo Etleboro: anche un movimento politico ha fatto proprie le rivendicazioni di sovranità monetaria nazionale nella RS.
E ben presto, segnala Altamura, contro Etleboro e gli altri si alzano i muri di silenzio dei banchieri di Sarajevo e la pressione della finanza privata internazionale; e persino il genio americano, il controinformatore ufficiale Noam Chomsky, fa sentire la sua voce. Troppo lavoro e troppo denaro sono stati investiti, durante la guerra di Bosnia, per costruire nel mondo una certa immagine, scientificamente distorta e molto negativa dei Serbi di Bosnia, che consenta di colonizzare loro e le loro risorse, di dissolvere la loro identità etnica, senza opposizione dell’opinione pubblica. Che li renda indifendibili contro ogni sopruso, anche il più sporco. E che screditi a priori, come nazionalista e ‘sanguinario’, qualsiasi tentativo di critica obiettiva. Troppo lavoro e troppo denaro, perché si possa permettere che la libera controinformazione metta in pericolo i frutti di questa campagna propagandistica. Anche se ormai, nelle nostre università, la si analizza e si studia sui libri di testo, come esempio di raffinata tecnologia manipolatoria.

02 febbraio 2006

San Permessi di soggiorno


Lo stringi tra le mani, quasi non ci credi: eccolo il “san Visto”, dopo tutti documenti consegnati, dopo le lunghe attese e i sorrisi ai poliziotti che sono nelle ambasciate, con le catenine d’oro.
Il regolamento per il rilascio del visto non è sempre chiaro, molte volte chiedono documenti aggiuntivi, adducendo come motivazione la mancanza di fiducia nel non rientro, senza mai riuscire a capire quali documenti bisogna portare per un visto di un anno o di sei mesi.
Di regola per ottenere un visto bisogna aspettare un mese: devi mandare un fax al Consolato,poi riceverai un appuntamento, e se l’addetto sbaglia, si ricomincia tutto d’accapo.
La fila al consolato è di circa 100 persone al giorno, giunti davanti lo sportello, manca sempre qualche documento, e l'appuntamento slitta di una settimana. Si aspetta il documento, che può non essere valido o esatto, allora scorre un’altra settimana, oppure sopraggiungono degli impegni improrogabili, allora si perde tutta la trafila.
Una volta fatto tutto questo, bisogna ritirare il visto, e a quel punto o te lo negano, o invece te lo danno:quelli a cui lo negano escono dalla porta del consolato sconsolati e angosciati, altri invece sono più fortunati.

Valico della frontiera.
Il poliziotto guarda e chiede “quanti soldi hai?...fammeli vedere”.
Arrivati in Italia bisogna ottenere il permesso di soggiorno, e lì davvero succede di tutto.
Code interminabili davanti gli sportelli, gente di ogni razza o colore che vanno lì anche per due mesi, a giorni alterni. Ci sono moltissimi cinesi per esempio, che a quanto pare in Italia non muoiano mai, non esistono cinesi morti nei registri dell’ufficio.
I poliziotti chiedono ogni tipo di documento, uno in arabo , l’altro in albanese, il caos regna sovrano ed è lì che si mischiano le razze, in incontri promiscui e baccanali, tra chi lava piatti e chi per studiare, e tutto questo per un misero permesso di soggiorno.
Ma lo stress deve ancora incominciare, perchè il nostro povero extracomunitario sarà derubato dalle banche, dagli avvocati truffatori, e dalle scuole che garantiscono diplomi e lauree per entrare nel mondo del lavoro come manager, mentre nel frattempo continuano a lavare i piatti, a raccogliere pomodori perchè il signor Permesso di soggiorno quest’anno ancora non è arrivato.
E solo quando hai le unghie nere, i piedi gonfi e una spalla rotta, ti rilasciano un timbro “valido per due anni”.
Adesso sono extracomunitario legale a tempo determinato .