Motore di ricerca

30 aprile 2006

Il giorno dei debiti e dell' inferno cominciando dal Kurks

La testata nucleare che trasportava il Kurks
La nostra Organizzazione, rispettosa dell’alto codice etico, civile e morale che la ispira, ha denunciato apertamente quanto sta accadendo, e sicuramente tutti noi daremo un grande contributo, ma in questa settimana si scateneranno degli eventi di cui abbiamo già avuto modo di parlare nei nostri rapporti.
Nella giornata di domani, l’Iran adotterà come valuta di scambio nelle vendite del greggio l’euro, cosa che costringerà i compatori a disfarsi del biglietto verde per acquistare la nuova moneta accettata nella transazione. Da domani l’America e i suoi dollari cominceranno a perdere il loro valore e i mercati ad affondare con loro. La guerra allo stato attuale è l’unica soluzione. Tutto può essere in gioco, forse oggi stesso un blitz catturerà Mladic per distogliere l’attenzione da quanto sta accadendo, come avevamo anticipato in "Marzo di sangue".

Attaccare l’Iran significa non dare vita alla Cina, la quale sicuramente non resterà lì a guardare mentre l’America o altri per lei le toglieranno i mezzi di sussistenza necessari per vivere. La popolazione cinese è in continuo aumento, contro una sempre più marcata assenza di beni alimentari, di acqua e di energia, che certamente non possono essere ottenute gratuitamente. In questo caso una guerra contro coloro che vogliono minare la sopravvivenza diventerebbe necessaria.
In un discorso choc, pubblicato nel 2003, il Ministro della Difesa cinese Chi Haotian, denuncia come le grande potenze abbiano già deciso il declino della Cina, e per evitare ciò occorre mettere in ginocchio gli Stati Uniti, e distruggere il Giappone con un attacco nucleare.

La Cina dunque piazzerà sul mercato i suoi dollari, accentuandone la svalutazione per forza di cosa obbligata dal forte indebitamento della nazione. Il tracollo finanziario è vicino, e questo spiegherebbe l’esistenza di una proposta di legge del governo che agganci il debito pubblico al dollaro, ed eventi anomali, come dei radar in tilt per consentire il trasferimento di una flotta.

Una guerra prossima, che ha come punto d’origine l’affondamento del Kurks, sommergibile della marina russa, in seguito ad un impatto con un sommergibile americano. In quell’occasione la propaganda dei media lasciò chiaramente intendere che l’equipaggio fosse stato deliberatamente abbandonato per morire poi annegato, dopo l’insuccesso del tentativo di salvataggio.
In realtà non morirono tutti, parte di essi riuscì a salvarsi mediante tute particolari che consentivano una risalita di tre metri al secondo, mentre i corpi ritrovati furono restituiti alle famiglie dopo molto tempo con evidenti ferite d’arma da fuoco. Un altro sottomarino venne inoltre in soccorso, evacuando un generale cinese e due arabi; probabilmente era più piccolo, e non poteva contenere tutti dunque sicuramente avranno promesso di ritornare . Nessuno mai saprà perchè non vi ritornarono.

L’intera vicenda si evolse in maniera davvero drammatica perchè dopo che 8 persone riuscirono ad andare via, coloro che rimasero sul fondo minacciarono di lanciare un missile granit nucleare, se nessuno li avesse soccorsi. Infatti i corpi sono stati ritrovati crivellati di colpi, per cui pare che vi sia stata una vera e propria guerriglia all’interno. Una cosa è certa, quel foro è stato deliberatamente provocato per inondare tutti gli scompartimenti.

La stampa allora dichiarò che i sommergibili russi non erano adeguatamente muniti dei mezzi di salvataggio, mentre in realtà tutti i sottomarini sono equipaggiati dalla società costruttrice inglese Beaufort. È strano il fatto che il sottomarino si trovasse a 90 metri di profondità, e che il corpo era super attrezzato e preparato, forse sarebbero riusciti ad risalire anche con una busta di plastica.

Oggi questo incidente viene classificato come "segreto", e il motivo che si nasconde dietro questa storia è molto strano. Noi crediamo però che quel buco sia stato intenzionale, e che Putin non aveva nessun motivo per non correre in salvo del resto dell’equipaggio. Forse la Russia non voleva che si sapesse che quel sottomarino custodiva un generale cinese e due arabi, e delle strutture sofisticatissime: la loro esistenza andava mantenuta segreta . Speriamo che non ci sia andato qualcun un altro a riprenderli! Secondo la nostra ipotesi, gli americani volevano impossessarsi del sottomarino.

29 aprile 2006

Grandi potenze crescono


Nel giorno in cui l'Aiea ha presentato il suo rapporto all'Onu per denunciare la mancata sospensione delle attività nucleari dell'Iran, Mahmud Ahmadinejad non rinuncia alle sue posizioni, e sprezzante del pericolo, riconferma la volontà di non rinunciare al nucleare e denuncia Usa e Gran Bretagna, che continuano a nascondersi dietro il Consiglio di Sicurezza dell’Onu.
Non si fa attendere la replica degli Stati Uniti, che nella persona del senatore dell’Arizona Mc.Cain, minaccia da Brussel gravi ritorsioni sull’Iran, rivolgendosi in particolare a Cina e Russia che, qualora dovessero ostacolare l’azione dell’Onu per il rispetto delle direttive, vedrebbero poi incrinare alcune aree della cooperazione con gli Usa. Sembra tuttavia assurdo che uno Stato quasi sull'orlo del fallimento, possa dare ordini a due superpotente ormai pronte a presiedere lo scenario geopolitica ed economico globale. Gli Stati Uniti, in virtù del fatto di essere una potenza militare indiscussa, credono, sbagliando, di esserlo anche dal punto di vista economico.
Il deficit commerciale con l’estero cresce rapidamente, con 805 miliardi di dollari circa il 7% del Pil, e va ulteriormente a ingrossare le riserve di liquidità in eccesso dei paesi esportatori, che ammontano a 2 000 miliardi di dollari, detenute per i tre quarti da Cina, Corea del Sud, Russia, India e Arabia Saudita.

È una situazione molto pericolosa, perché i rischi geopolitici di un brusco calo del dollaro sono molto elevati e sono stati messi in luce anche durante il vertice di Washington del FMI dello scorso sabato, che non ha in fatti escluso che una “caduta rovinosa” del dollaro creerebbe insostenibili rialzi dei tassi di interesse: la Banca Centrale della Svezia decide così di ridurre al 20% le riserve di dollari e aumentare al 37% le riserve in euro. Ormai è inevitabile che uno dei più gravi squilibri globali passi attraverso la svalutazione del dollaro, che andrà inoltre ad accentuare l’iperinflazione derivante dall’impennata di merci e petrolio.
I Grandi Sette raccomandano una correzione ordinata dei cambi che devono “riflettere i fondamentali economici”, rivolgendosi soprattutto alle monete asiatiche mantenute svalutate per sostenere le esportazioni. La People’s Bank of China, respingendo le insinuazioni del FMI, ha fato subito notare che se c’è una controparte che trucca il mercato quella è proprio l’America, perché infatti non è più possibile stimare la reale quotazione del dollaro dopo il pasticcio degli M3.
La Cina dunque fa la voce grossa anche con il FMI e certo non si impressionerà dinanzi alle dichiarazioni di Mc. Cain che tuona vendetta senza fare i conti di quanto è rimasto in Fort Nox, per pagare i bilioni di dollari di debito. Lascia di stucco i mercati l’ultima mossa della Banca Centrale Cinese che, dopo aver affermato la propria sovranità nel decidere sullo Yuan, alza i tassi di interesse proprio quando la FED preannuncia una probabile fine della stretta monetaria entro giugno, dando così il colpo di grazia al dollaro che viaggia sulla scia di un trend assolutamente negativo. Le borse asiatiche ormai crescono a dismisura attirando sempre più investimenti, sempre più liquidità, soprattutto dopo la deregolamentazione delle attività di brokeraggio in Cina per la comprevendita di titoli di Stato.
Quotazione $/€ dal 1 marzo al 28 Aprile

Quotazione $/¥ dal 1 marzo al 28 Aprile

Oltre a possedere riserve valutarie e Titoli del Tesoro USA, la Cina ha ormai superato il Pil di Eurolandia con 9.406 miliardi di dollari, e in meno di cinque anni raggiungerà gli Usa che dista 3 miliardi, grazie al continuo e inarrestabile cammino della bilancia commerciale. Ha inoltre posto in essere una strategia di approvvigionamento energetico spietato e machiavellico, sguinzagliando le Major petrolifere in Africa e Medio Oriente alla caccia dell’oro nero. Dispongono di molta liquidità che utilizzano per aggiudicarsi i blocchi petroliferi sovrapangandoli, offrono aiuti, infrastrutture e legami diplomatici alternativi ai Paesi occidentali, approfittando dell’isolamento internazionale a cui sono soggetti a causa di procedimenti pendenti per le crisi umanitarie. In Sudan, gli investimenti cinesi porteranno alla produzione di 650 mila barili al giorno; il Venezuela si è accordata per vendere circa 300 mila barili al giorno, consolidando un rapporto che ha un forte sapore di sodalizio politico che lascia dell’amaro in bocca all’America. Angola, Guinea, Congo, Nigeria sono il terreno ideale per la caccia, perché in questo caso non sono i soldi che fanno la differenza, ma gli armamenti, le centrali elettriche, le ferrovie e le merci.

La Russia si conferma partner cinese ormai indiscussa, soprattutto dopo le recenti dichiarazioni di Gazprom, che mediante il suo “portavoce”, il Presidente Putin, fa sapere che se i governi europei continueranno a ostacolare mire espansionistiche del monopolio russo, in futuro buona parte delle forniture ora dirette all’Europa potrebbero finire sui mercati asiatici, che crescono a ritmi straordinari e offrono una assoluta disponibilità. E se la Germania chiede con cortesia il rispetto degli obblighi di fornitura presi con Berlino, il governo britannico si mette da parte senza nulla eccepire sul tentativo di scalata della Gazprom su Centrica, primo distributore di gas in Inghilterra.
Intanto in Russia non si accontenta della propria produzione e cerca di mettere le mani sul gas della ExxonMobil, dopo aver raggiunto un intesa con l’Algeria per l’export di gas.

Grandi potenze crescono, e le sovrane di un tempo si avviano al crepuscolo.
Così deboli e dipendenti anche per il cibo che mangiano, vogliono muovere guerra all’Iran, trascurando completamente che alle prime crisi e blackout energetici il caos e le contestazioni civili renderanno governabile la situazione solo con “strategica repressione e internamento” delle masse.

28 aprile 2006

Le stragi dei corridoi


La Commissione Europea dà il via libera alla realizzazione della tratta in Val di Susa della TAV, presentando la relazione di una commissione di esperti europei indipendenti, che sostanzialmente conferma la correttezza dei lavori compiuti dalla Lyon-Turin Ferroviaire.
Il comitato di esperti che ha prestato consulenza alla Commissione Europea, e redatto la relazione è composto da società private di consulenza, quali la ECORYS Nederland BV, la COWI A/S , la ECN , Ernst & Young Europe e Consultrans, ma i loro nomi non vengono citate dalla stampa o dai giornali. Il rapporto “tecnico” imperversa per circa 160 pagine sull’ottimo lavoro svolto dalle società sul controllo della salute, sulla salvaguardia ambientale e sulla gestione degli accordi con le parti sociali, che vengono invece ridicolarizzate e criminalizzate. Amministrazioni comunali che fanno ostruzione, gruppi no-global violenti, e polemiche prelettorali, sarebbero le parti sociali che si schierano contro la Tav, forse controllate “la lobbies” di cui non si conosce l’identità.

E così una commissione di esperti, che indipendenti non sono, afferma che le popolazioni di uno Stato sono controllate da Lobbies, ma intanto presta consulenza alla Commissione Europea, che non è un’istituzione sovrana ed è affiancata da altri 3000 comitati i cui componenti e le cui riunioni sono tenuti nello stretto riservo. Sarebbe interessante sapere chi siede in quelle commissioni, forse gli stessi consulenti delle società appaltatrici e finanziatrici delle grandi infrastrutture? Allora si che potremmo capire chi è davvero controllato dalle lobbies!

La regione Piemonte risponde alla relazione tecnica, e non esclude la possibilità di stralciare la Torino-Lione dalla legge obiettivo, che darebbe poi potere di giudizio del progetto definitivo alla conferenza di servizi ordinaria regionale, che, attenzione, una volta approvato il progetto, non darebbe più voce alle amministrazioni locali. In altre parole, vogliono potenziare il potere decisionale della regione e indebolire quella dei comuni, per passare, forse, ad un accentramento delle decisioni sulle opere pubbliche nelle mani dello Stato.
Il corridoio ferroviario Lisbona-Kiev non è che uno dei tanti progetti per il controllo del traffico delle merci, passando dall’acquisizione dei porti , alla costruzione di ponti e linee ferroviarie.

In ogni Stato fervono lavori per infrastrutture e trasporti, rigorosamente controllati da privati e finanziate da grandi banche d’affari, e i governi che si oppongono sono travolti da scandali e da strani eventi. L’Albania è sotto assedio da circa due mesi, senza luce né gas, per stremare le popolazioni e le imprese e ottenere così il controllo del gasdotto “Ambo” che consentirà alle società petrolifere di raggiungere, tramite i balcani, il mercato europeo. British Petroleum e Gazprom sono in concorrenza tra di loro, per cui probabilmente verranno costruiti due corridoi, il Corridoio VIII che porterà a Valona e un altro che sbucherà a Durazzo. La Romania e la Bulgaria devono entrare nell’UE dovranno prepararsi a privatizzare i porti fluviali e a garantire il passaggio di progetti come la costruzione della Tav o di Gasdotti. Poi gli attentati in Egitto, la magistratura che perde così tanto tempo con i “pesci piccoli” dimenticando i nomi degli squali, Al Zarqawi che si sveglia e lancia minacce all’occidente: a questo punto sembra una strana casualità di eventi.


In Italia invece, approfittando dell’assenza di un esecutivo , viene conclusa l’importante fusione tra la Abertis, società di infrastrutture (caselli e aeroporti) e Autostrade. Una fusione che tuttavia si atteggia a “vendita elegante”, in quanto dopo la fusione la holding di Autostrade, Schema28, che già è partecipata da Abertis, avrà una partecipazione nella nuova Auto-Abertis del 24,9%, mentre l’11,7% va alla Banca Caixa e il 12,5% alla ACS S.A., entrambe spagnole. L’azionariato di Schema28 dopo la fusione subirà delle modificazioni: il 13,3% di Abertis viene distribuito per 1/3 a Mediobanca e i 2/3 a Caixa ed ACS, per cui in virtù della partecipazione indiretta queste ultime avranno una maggioranza relativa del 26,4 . Per tale motivo forse la sede fiscale del gruppo dopo la fusione sarà la Spagna, dietro il suggerimento dello “Studio Vitali Romagnoli Piccardi”, ossia lo studio dell’ex Ministro Tremonti che già prestava consulenza ad Autostrade. I Benetton guadagneranno circa 670 milioni di euro di extra-dividendo, per un progetto di fusione di circa 45 miliardi di euro.


L’Italia dunque dopo aver privatizzato un monopolio naturale, adesso perde il controllo di una struttura così importante, restando come unica opzione la costituzione di una Autorità di controllo delle reti, perché a detta di Prodi, “contano le regole e non la proprietà”. Ma se poi le regole le fanno i cd. europeisti, e se le amministrazioni non possono far guerra alle grandi opere, quale prospettiva ha l’Italia.

Oggi è la Tav, domani sarà il Ponte sullo Stretto, e tra un po’ toccherà ad Alitalia, che ormai non ha molte chances, come non ha molte chances l’Italia, che è ormai guidata da uomini piccoli, disposti a tacere per una poltrona, o magari per la Presidenza alla Camera o alla Repubblica. Gli “Europeisti” e i “Professori” ci governano, si fanno eleggere promettendo trasparenza e dialogo nell’interesse dei cittadini, ma in realtà sono ben altri gli interessi che prevalgono, gli interessi delle Banche d’Affari che stanno così comprando i corridoi e gli snodi del traffico delle merci. Questo è il contesto in cui guardare l’intrecciarsi degli eventi, delle fusioni, delle privatizzazioni e degli atti terroristici, che non sono altro che segnali inviati ai governi e agli Stati che dovranno adeguarsi alle direttive.

26 aprile 2006

Ratko Mladic: il generale della discordia


Quando il mese scorso affermammo che Ratko Mladic era caduto nelle mani della NATO, non avevamo certo sbagliato. Quel benedetto giorno, dopo il blitz dei SAS inglesi in Romania lo prelevarono ormai moribondo, perché gravemente malato, e qualcuno rocambolescamente riuscì a far passare la notizia.

Quando riteniamo che viviamo in un’ epoca indimenticabile, e che succedono tante cose strane non ci allontaniamo molto dalla realtà considerando che Milosevic è morto senza avere un capo di accusa 37 ore prima, per aver smontato interamente la teoria della Grande Serbia, che per anni i proprietari dei giornali e delle televisioni private,hanno, naturalmente, sempre sostenuto.

Mentre le televisioni accentuavano il fatto che Slobodan Milosevic era stato il “macellaio” del suo popolo, non facevano altro che censurare anche il suo funerale, sminuendone l’importanza nonostante 500 mila persone vi avevano preso parte. Abbiamo chiesto dunque a Repubblica come mai aveva diminuito così drasticamente la cifra dei partecipanti rispetto a quelli che erano nella stessa piazza al momento della cacciata. A quell'epoca parlarono infatti di ben un milione di persone, ma insomma questa piazza quante ne contiene?

Il sito www.osservatoriobalcani.org ha addirittura mandato lì a Belgrado delle persone per farsi fare delle foto, per far vedere che erano dei nostalgici. Noi quindi siamo in mano a questi poveri cretini!
L’unica cosa che possiamo affermare con certezza è che in uno Stato dall’alto “rischio paese”, in una situazione così difficile e di insicurezza, sono state distribuite più di 600 mila carte Visa e Master Card. Ma come è possibile che in questi Paesi così a rischio, le Banche investano soldi e siano le uniche a guadagnare?! La Alpe-Adria-Bank, per esempio, ha registrato un profitto di 9,7 milioni di euro, il 163% del profitto dell’anno scorso, espandendo crediti e depositi quasi del 50 % con 80 sportelli in tutta la Bosnia, e stiamo parlando di un paese in cui le imprese sopravvivono e rischiano ogni giorno il fallimento.
Transparency International, creata dalla Banca Mondiale, inneggia alla privatizzazione, ma è ovvio che è complice e collusa, visto che abbiamo inviato otto e-mail sulle questioni bancarie e sono spariti, come banditi in fuga.

Serbi, come Natasha Kandic, vengono pagati da queste organizzazioni sconosciute per riconoscere le cosiddette stragi commesse dai Serbi, come quella di Srebrenica, documentate da un video senz'ombra di dubbio falso. Il video mostra molteplici contraddizioni, dettagli che nell'insieme non ne garantiscono certo l'autenticità, e secondo noi i corpi mostrati sono addrittura dei manichini .

Siamo pronti a dimostrarlo con i fatti, e non con i trattati e le firme apposte solo per imbrogliare la gente. Siamo stanchi di questi sorrisi e dell’Etnocidio che perpetrano a tutta l’umanità.

E mentre i media alimentano i conflitti , in questi giorni viene firmato a Sarajevo un accordo tra lo Stato bosniaco e la Chiesa cattolica, in cui si prevede la restituzione delle proprieta' della Chiesa confiscate dopo la II Guerra Mondiale, sperando così che i serbi riavranno le loro terre e i loro soldi dalla Croazia e dalla Slovenia .

Oggi dichiariamo che il generale Rakto Mladic sarà arrestato con un’eclatante “sceneggiata napoletana” per umiliare ancora una volta il popolo serbo, proprio durante la pasqua ortodossa, così come ha fatto National Geografic con i cristiani, dimostrando in un servizio che Gesù non camminava sull’acqua, bensì sul ghiaccio.
Tutto è pronto, così come avevamo detto in Marzo di Sangue. La telenovela funziona, e noi non possiamo che usare le stesse parole di Milosevic, arrestato come la Cia cattura i terroristi, che disse "se mi hanno portato fin qui, almeno non me ne andrò, perche voglio vedere come andrà a finire questa pagliacciata”. Potremo così almeno vedere la faccia della lavandaia Carla del Ponte, che lei di banche se ne intende.
La presa del generale sarà un diversivo per attaccare l’Iran, e oggi questi militari, che ormai sono carne da macello, farebbero meglio a deporre le armi e andarsene, perchè li stanno portando in una maledizione.


Nella guerra al terrorismo non ci crede più nessuno. Immaginate che a Sarajevo, dopo 15 anni che c’è ONU e NATO e poi EUFOR , un comando della polizia religiosa Islamica, irrompe 4 giorni fa in un quartiere in cui solitamente si appartavano delle coppiette in intimità.
Dopo 10 anni di controllo totale da parte di queste forze di occupazione, durante i quali non si è mossa una foglia senza la loro approvazione, succede che fermano delle macchine, fanno operazioni rocambolesche, con tutti i media possibili, e esce fuori che in Bosnia esiste una rete di Mujaidin. Ma questa è una farsa, è una barzelletta, questa gente è corrotta dall’entità economiche, gli agenti segreti sono dei venduti e dei complici dell’ alleanza del sistema bancario, così come la stampa.
La guerra che oggi i governi occidentali stanno combattendo, è la guerra che i Serbi hanno combattuto per noi. Dopo tanti anni, viene deciso che i Bosniaci, che tra l’altro non si sa cosa sono, rappresentano la maggioranza della BiH , ma non si tiene presente che in Bosnia più del 49% della popolazione è serba, mentre il resto sono croati e musulmani. Adesso rispondete, chi è la minoranza? Adesso ditemi perchè questo 49% deve diventare musulmano! E visto che la Bosnia ha denunciatio la federazione serbo-montenegrina per genocidio, chiedendo un risarcimento di 300 miliardi di dollari, questi soldi andranno al 49% dei bosno-serbi allora ?Ecco l'ennesimo episodio per fomentare odio e conflitti, non sanno più cos'altro inventare evidentemente...


Uno Zulù chiese ad un inglese, “quando i nostri si accoppiano cosa ne esce, uno Zulù o un bianco?”, l‘ inglese gli rispose “noi li trattiamo benissimo, solo il 30% sopravvive, al resto gli aspetta una vita da schiavi”.

24 aprile 2006

Chi è Al queda? Cosa in realtà nasconde e cosa ci nascondono davvero?


Schemi reti
Al queda viene definita “la base” . Ma cosa sappiamo in realtà della banda armata, e delle barbette? La parola Al queda può essere ricondotta alla parola 'Qeidat il-Maaloomaat' e alla parola 'Qeidat i – Taaleemaat . Entrambe rappresentano un file che era chiamato 'Qeidat ilmu'ti'aat, ossia DATA BASE. Parola che gli arabi hanno poi semplificato per farla diventare “al queda”.
Questa è una dichiarazione di Henri Brunel, colonnello dei servizi segreti francesi autore di moltissimi testi tra cui “I crimini della Nato”, confermata da vari eventi o coincidenze come l’affermazione del ministro inglese Robin Cook, dopo l’attacco in Iraq, morto poi misteriosamente d’infarto. Questi infatti affermò che quelli che oggi vengono definiti terroristi nel tempo saranno considerati “combattenti per la libertà”.

Il sistema di cui si parla è una rete informatica, di cui pochissime persone sono a conoscenza. Il primo computer, denominato collusus , viene costruito dai servizi segreti britannici, durante la seconda guerra, per ridurre i tempi di decriptaggio dei messaggi nazisti, che si dilungavano dai 15 ai 60 giorni . Il primo elaboratore aveva una capacità di calcolo di 5000 caratteri al secondo, e considerando i tempi della tecnologia moderna qualcosa ci avranno nascosto. L’ industria non tralasciò questo fenomeno, e la produzione di elaboratori viene portata dal settore militare al mercato relae, sino all’introduzione dei calcolatori all’interno dei circuiti economici e finanziari grazie alla creazione di una memoria di dati. Gli unici infatti a poter acquisire questa tecnologia erano le banche e i grandi sistemi economici, e uno di questi era proprio l’OCI e i produttori di petrolio, tra cui l’Arabia Saudita, per cui sicuramente Bin Laden aveva accesso a questo laboratorio.

In particolare è possibile individuare 3 esempi di rete informatica, rappresentabile come sistema centralizzato, decentralizzato e distributivo, schemi che possono rappresentare una struttura di comando, una rete di programmi computerizzati, scale economiche, e schemi di poteri.

Il sistema centralizzato viene comunemente utilizzato nella pianificazione dei governi nazionali, delle amministrazioni pubbliche, nonchè nel sistema monetario dell’usuraio.Il secondo sistema viene usato sopratutto nei sistemi religiosi come quello cristiano e quello ortodosso. Infine il sistema distributivo, è un sistema di eguaglianza, spesso utilizzato nel sistema delle intelligence GLADIO, nella religione islamica, e attualmente nella rete di AL Queda.

Con riferimento alla quarta figura, è possibile evidenziare come all’interno di un sistema distributivo possono esistere delle cellule dormienti, evidenziate in grigio, cellule attive, le verdi, tutte collegate tra di loro ma nessuna sa niente dell’altro. Giungere da un estremo all’altro della rete richiederebbe costose ed inutili ricerche perché quasi impossibile ricostruire il percorso di determinate informazioni. È da notare che si parla di cellule e non di elementi o gruppi, perché rappresenta un termine direttamente estrapolato dal linguaggio informatico ossia da quello dei software. Occorre capire che la rete di internet deve essere considerata una tela del così come rappresentata dalla figura 3 e non una ragnatela come tutti vogliono far credere.

Sovrapponendo un sistema distributivo ad un sistema centralizzato viene a crearsi quest’ultima immagine. Lascio al lettore l’interpretazione della situazione che viene a crearsi, considerando che è impossibile rintracciare un determinato percorso e che chi controlla in sistema può trarre ogni tipo di deduzione e stravolgere ogni cosa a proprio piacimento. Se guardate attentamente le immagini, capirete senz’ombra di dubbio, che sia la politica dei comunisti “cattivi”, che quella delle brigate rosse, di Gladio, fino ad arrivare ad Al Queda è la stessa.

Provate a mettere una cartina geografica, affiancando numeri statistici di aziende che comprano, le nascite, e quant’altro sia possibile e vi renderete conto, che il potere giudiziario è onnipotente in questa realtà.

Questi schemi sono le origini di qualcosa di sconosciuto, le masse di politici e di economisti possono arrivare a comprendere solo la punta dell’iceberg, senza mai capire che il serpente è all’ interno di un canale informativo truccato. Esiste una scienza sconosciuta alla massa detta steganografia, ossia l’arte di nascondere i messaggi che viaggiano attraverso immagini, canzoni, o qualsiasi altra forma di comunicazione . È su di essa che sono stati costruiti questo tipo di sistemi e di reti.

Non esiste procura che possa indagare, perché i nostri giudici non possiedono il nuovo linguaggio, le parole nuove, e non esistono leggi che possono condannare questa realtà. Questo spiega anche perché le piste della polizia non portano a nessuna parte, e perché i 200 pseudo terroristi non sono i terroristi di cui i nostri amministratori si vantano tanto. Stranamente tutti gli indagati hanno avuto, infatti, a che fare con queste società di cabine telefoniche internazionali, che andavano a costituire una rete di emigranti che inviava soldi alle famiglie rimaste in patria . Gli arabi e i cinesi, si organizzano con il sistema del Phone Monney, un sistema di pagamento usato sopratutto dai trafficanti. Basterebbe che un pool internazionale di magistrati cominciasse ad perquisire i server delle banche, con domande molto semplici. È veramente assurdo che un’organizzazione del genere usi strumenti così primitivi, da non essere scovati da strutture come i servizi di intelligence nazionali. In realtà questa specie di sceneggiata teatrale serve solo a lobby finanziarie, per delegittimare e arrestare i governi cdd. cattivi, per sostituirli con una banda di criminali. Infatti bisognerebbe poi capire come sia mai possibile che alla fine sono sempre le loro aziende che guadagnano da questa storia.


Mi riferisco anche agli Islamici di Bosnia, che sostengono di aver combattuto una guerra, in nome e per conto di una terra islamica accettando poi l’ usura che il loro stesso governo pratica: è un plateale tradimento del corano.

Al queda è un trucco, nasconde altro perché è una tecnica per creare e cercare un nemico che non esiste. È un modo per infangare uno Stato o delle persone mediante unaonto di determinati obiettivi, decentralizzato e distrubitivoo saranno tragica opera teatrale, dove i protagonisti sono gruppetti di persone strumentalizzati da questo sistema, piccoli uomini che credono di fare la lotta armata con un fucile per sostenere la causa della guerra santa. In realtà non è mai esistito un documento, una sede o un numero di telefono, non è mai esistito un bel niente, nulla. Se alla richiesta della resa incondizionata, Bin Laden fosse stato consegnato, l’America non avrebbe potuto bombardare e fondare l’intera sua politica estera su un discorso di lotta al terrorismo. Loro sapevano tutto, perché queste reti sono in mano alle lobby ed è questa la politica, il gioco sporco dei media, che accreditano episodi visibilmente falsi. Bin Laden ora sicuramente abita in una bella villa, non vi preoccupate, magari a Londra, e nei suoi yacht , tra una banchina e l’altra, e tra un molo e l’altro, firma e vota nei consigli di amministrazione, dove si trovano senza alcuna distinzione i cattivi e i buoni.

Le immagini di un uomo decapitato da Al queda hanno fatto il giro del mondo, e moltissimi giornali mostrarono la foto, chiamandoli Bastardi. Immagini cosi brutali che difficilmente possono essere dimenticate. In realtà quel video è falso, il famoso Nick Berg non era neanche lui ,ma chi era? Chi era questo personaggio che aveva conosciuto uno degli pseudo dirottatori degli aerei che si schiantarono nelle Torri Gemelle , a cui aveva dato anche la password della sua e-mail? Confrontare per credere.

Il vero Nick Berg è quello nella foto in alto, ovviamente non ha alcuna somiglianza con la vittima della decapitazione . Per quanto riguarda la scena d’ambientazione occorre notare che la sedia su cui è seduto, nonostante sia di uso molto comune, è sempre una sedia di plastica difficile da trovare in uno Stato come l’Iraq soggetto a ben 10 anni di embargo. Credo che sia comunque una sedia in dotazione all’esercito americano.
Guardando la foto n. 9 dei terroristi disposti l’uno accanto all’altro prima dell’esecuzione dell’ostaggio, è possibile riconoscere la corporatura dei militari americani presenti nella Foto n.7 presi nell’ordine della disposizione come indicato dai numeri. Inoltre il muro e il battiscopa della scena dell’omicidio sembra essere lo stesso della base militare americana, e la postura stessa dei terroristi è una tipica posizione di soldati occidentali.

Questo sistema può inventare qualsiasi cosa in qualsiasi momento, proprio com’è accaduto nel caso Mitrokrin, con un dossier inventato di sana pianta per accusare uomini politici.


L’informazione superficiale è di solito sempre sbagliata, organizzata, distorta e imprecisa, porta poi ad indagini e ad accuse che nessuno può verificare. Le cose che sembrano avvenire per caso sono in realtà volte a ricattare e a tenere sotto scacco politici e funzionari. Se un’ intelligence ruba un documento, oppure paga, non può utilizzarlo, e così il gioco si chiude perché sono a conoscenza degli eventi ma non sono in grado di dimostrarlo, ed è su questo che si basa uno degli elementi d’impotenza dei servizi. Le prove e i documenti che le intelligence possiedono, e su cui poi gli Stati basano guerre e interventi aerei, non saranno mai verificabili, perché derivano da manipolazioni unilaterali. Sono il frutto dello sfruttamento della sofferenza di interi popoli.

Gli archivi vengono costruiti da collaborazioni con informatori raccattati da tutte le parti, magari ingannati o da impiegati con il doppio stipendio pronti a vendersi per fare carriera come capocentro del servizio segreto.

Potete immaginare cosa significa nei paesi extracomunitari, un passaporto per l’occidente, cosa significa un visto per persone disperate. Significa umiliazione, e pericolo per la propria vita, rischiando di rimanere incastrati in una rete di corrieri di droga e di prostituzione, tutto questo sotto gli occhi dei controllori. Chiedete ad un albanese, ad un senegalese, ad marocchino, ad un africano, cosa significa permesso di soggiorno, loro risponderanno : file e documenti, soldi , speranza e vite spezzate, è questo quello che sta dietro quel foglio, dove c’è scritto che farai “la collaboratrice domestica”.

Prima di capire cos’è un kamikaze, bisogna spiegare che se delle persone sono chiuse in un ghetto, senza la possibilità di avere nulla, neanche una casa, un nome e un pezzo di carta con su scritto un nome e un cognome, cosa credete siano poi disposte a fare per salvare una famiglia. Bisogna sopravvivere, il futuro è incerto, e poi ci sono i figli, per il loro bene si è disposti a tutto, ed è allora che il Serpente del labirinto agisce trovando facile preda.

Questi sono i nuovi schiavi, criminalizzati mediante la parola “al queda” con la complicità delle tv al servizio dei banchieri. Questi poi andranno nei loro territori a privatizzare le aziende, il frutto del sudore e delle lacrime di persone comuni, dando a miseri ladri di polli una Mercedes e un telefono nuovo, una giacca e una cravatta che farà di loro dei presidenti, dei deputati , dei ministri. Insomma una “grande classe dirigente” a cui, poi, il FMI presenterà un conto da firmare, e qualora ciò non avverrà una Ong, che è lì per “il bene del paese” lo accuserà di aver truccato gli appalti. Gli ambasciatori così sono diventati agenti di commercio, rappresentando non più lo Stato ma le aziende. In tutto questo il serpente del labirinto agisce indisturbato, mordendo la buona preda. Chi compra la Telekom Serba, Albanese oppure Irakena, è sempre la stessa persona, un solo uomo che ha ben 10 telekom, ma non bastano, “vuole tutto più il 5% “. Attualmente, con la nuova economia i “baroni ladroni” sono ritornati per rubare le nostre ricchezze, con l’aiuto di moderni e sofisticati sistemi informatici di comunicazione , e ancora oggi continuano ad essere combattuti dai veri templari e dai Robin Hood. Stiamo parlando quindi di veri e propri ladroni, che armano le bande da sempre, e che dopo aver raccolto tutto l’oro del mondo, ovviamente rubandolo, vogliono spiegarci le nostre idee senza farcele capire.

Le leggi sono le vere armi del sistema. A tutti è noto che la Nato ha bombardato la Serbia per questioni umanitarie, ma in realtà era il FMI che doveva bombardare se veramente voleva fare una guerra umanitaria. Il FMI, con il suo dictat, è il vero mandante della guerra, perché imponendo alla Slovenia e alla Croazia di eliminare delle assistenze sociali, come condizione per ottenere un prestito e uscire così dal regime socialista o comunista, ha fomentato dissensi e malcontenti tra le varie regioni. È assurdo come abbiano potuto creare una guerra e stravolgere agli occhi della comunità internazionale la verità dei fatti, al solo scopo di profittare del disfacimento di una nazione, e di un popolo.

Il sistema aggredisce un mercato, e indebita il paese, come è successo in Iraq. Così mentre noi siamo occupati a guardare queste specie di crudeltà da quattro soldi, il serpente del labirinto colpisce impossessandosi della banca centrale Irakena. Sarebbe al quanto fantastico sapere chi sono i reali soci, e visto che il FMI presta soldi all’Iraq possiamo sapere a chi altri li presta?

Al queda oggi, e domani chissà che cos’altro inventeranno. Un mio personale amico ha scoperto un piccolo cip nella banconota da 20 euro, prodotto dalla HITACI.

Ci hanno tradito e ci tradiscono in ogni cosa, disinformano e controllano in maniera diretta non solo le nostre intenzioni ma anche la vita economica di uno Stato.

E così beni e prodotti viaggiano in mercati bloccati da cartelli monopolistici, che uccideranno le imprese produttrici, obbligando poi un paese a comperare, ad essere una società di consumatori. Ed il Serpente viaggia nel labirinto, mentre la televisione convince i piccoli risparmiatori ad investire in borsa perché si può guadagnare senza lavorare, e le multinazionali vendono uno stile di vita standardizzato perché si può vivere senza le tradizioni perdendo la nostra anima nel materialismo.

Ed il serpente che è nel labirinto non vuole altro che confusione tra la gente, per convincerla poi che va tutto bene, che in realtà non vi è alcuna confusione .


La nostra mente è condizionata da leggende storiche e antiche, come quelle contenute nella Bibbia e nel Vangelo, un testo quest’ultimo derivante dalla selezione di documenti a loro volta tradotti e dunque soggetti a manipolazione interpretativa. Jesus non ha mai detto che la comunità cristiana debba essere costruita su un potere gerarchico e centralizzato, e dunque che ci deve essere un papa o un cardinale, ma ha semplicemente detto che mio padre è Dio, l’unico punto di riferimento, e che tutti noi siamo fratelli e sorelle. Ma questa nostra fratellanza, la nostra stessa vita è da secoli manipolata, e oggi ci si serve di strumenti tecnologici, di studi di medicina e di psichiatria. Le ricerche sull’Aids sono ormai fossilizzate sulla considerazione che si tratti di un virus trasmissibile mediante contatti sessuali, mentre in realtà il contagio è soprattutto batteriologico e l’origine va individuata nella contaminazione nucleare che distrugge il sistema immunitario. Non esiste più un punto di riferimento dell’informazione, perché questa è in mano a entità private che fanno televisione, promuovono pubblicità commerciale e stampano libri con un evidente controllo delle masse, che dunque non saranno mai messe a parte di tutto ciò che accade realmente, né mai ascolteranno perché i veri muri e i veri ostacoli risiedono nelle coscienze di ognuno di noi, nel nostro cervello. Tutti noi cerchiamo denaro soldi e potere, e il Serpente che viaggia all’interno del labirinto sa cosa desideriamo, ci illude di poterlo ottenere , conosce i meccanismi di influenza dei subconsci, e così ci sta portando alla rovina. È qui che entra in gioco la nostra perversione del godere nel vedere la gente soffrire, perché prevale il nostro senso di egoismo.

Siamo tutti schiavizzati e manipolati da un concetto informativo. L’inganno è il trucco che circola dentro di noi. Il serpente crea questi meccanismi perché conosce la reale forma del nostro universo mentale, colpendolo con messaggi e distraendolo dalla realtà , creando una specie di zona d’ombra percepibile solo dagli occhi del subconscio e non della mente.

Quante volte siamo stati delle vittime della politica monetaria, della politica aziendale, e delle aziende monopolistiche, come Telecom e altre società di internet, che ricattano le piccole imprese per i loro servizi. L'influenza aviaria da tempo sta facendo stragi in Italia, ma non sui banchi dei supermercati, quanto piuttosto davanti gli sportelli degli istituti di credito. È un cancro che si estende in ogni aspetto della nostra vita, dicendoci cosa mangiare, chi amare, come vivere, vestendosi dell’ autorità di veri e propri pastori, di guide spirituali, mentre sono criminali che agiscono in maniera globale, cancellando tutto e riscrivendolo per un proprio tornaconto.

Dobbiamo convincerci che dobbiamo indagare in un mondo digitale e non in una realtà territoriale. Questi ladroni che si credono santoni, sanno benissimo che mai nulla potremmo capire se non combattiamo in maniera virtuale o digitale .

23 aprile 2006

Era della privatizzazione? Forse è quella dei debitori...

Sentiamo parlare spesso di privatizzazioni, soprattutto nelle dichiarazioni di “certe” associazioni e di pappagalli che si accreditano esperti e operatori dell’alta finanza. Ma cosa accade in un’operazione di privatizzazione? Nella maggior parte dei casi, una società non dispone dei mezzi finanziari necessari per acquisire un’azienda o il capitale di maggioranza di una società, così si rivolge a dei finanziatori, a delle banche o meglio a grandi banche d’affari estere. Il prestito viene erogato prendendo come garanzia il capitale della società da scalare, il suo patrimonio o la sua capacità di credito. Viene presentato un progetto industriale, un piano finanziario che deve indicare le ragioni “economiche e imprenditoriali” dell’operazione, firmato e controfirmato dagli “esperti” e dalla società di revisione. Questo a quanto pare basterebbe a giustificare la correttezza e la ragionevolezza della scalata. Questo progetto dice che “Io società voglio comprare la Telecom, per questo chiedo a voi un finanziamento. Dopo la fusione il prestito lo restituisce la Telecom stessa”: questo è lo schema dell’operazione. L’acquisizione, e in questo caso la privatizzazione, non crea capitale nuovo per un’azienda, anzi l’azienda inglobata verrà indebitata per restituire i soldi: il suo patrimonio verrà smembrato e venduto, o ancora interi rami d’azienda verranno scorporati, la liquidità in cassa rubata. Imprese economicamente sane vengono colpite per nutrirsi di loro, come fanno i parassiti. È ciò che accaduto nel caso Telecom ed è ciò che accade adesso nell’acquisizione di raffinerie oppure di centrali elettriche. È un sistema in cui i due soggetti – chi vende e chi compra – si scambiano i ruoli: alla fine paga chi è comprato. E' questo che è successo con tutte le privatizzazioni. Hanno guadagnato dalle privatizzazioni solo le grandi banche d’affari straniere.
In passato i ladroni erano i pirati, oggi i poteri si sono riformati nelle organizzazioni dei Buoni, iscritte nelle associazioni internazionali, che additano come nazionalisti, criminali e terroristi chi invece contrasta le privatizzazioni.
Chi lo avrebbe mai detto che saremo arrivati nell'era dei debitori...

20 aprile 2006

Il piano di Hitler nelle mani delle Banche


La storia può essere qualcosa di profondamente diverso dalla realtà, fatti ed eventi possono nascondere verità ben più atroci, e occorre avere molto coraggio per scontrasi contro i muri del silenzio e della disinformazione. La seconda guerra mondiale conserva molti spettri e molti lati oscuri, documenti e foto occultati, archivi segreti e processi caduti nel vuoto, e forse non deve stupire che il Presidente iraniano chieda la revisione degli atti ufficiali , non gli si può dare tutti i torti.
Non tutti forse sanno, o comunque non tutti hanno la giusta importanza al fatto che, nella continua ricerca delle sue alleanze strategiche, il Furer ha incontrato anche il Gran Mufti di Gerusalemme, capo spirituale dei Palestinesi: molti dei documenti e delle registrazioni di quell’incontro furono sequestrati dagli alleati e protetti con il massimo riserbo dalle intelligence. Il Gran Mufti, Amin AL Husseini , segue infatti personalmente la guerra per conto dei nazisti in Bosnia fino al 1941 e poi si incontra in Croazia , il 25 aprile , con i cattolici nazisti Aartukovic e Budak per pianificare sterminio dei serbi. In forza di quell’accordo infatti ha sostenuto la costituzione delle SS musulmane, e di un esercito composto per la maggior parte da bosniaci-musulmani.
Il Gran Muftì Amin Al Husseini durante una rassegna di SS
Il Gran Muftì di Gerusalemme, Amin al Husseini, capo spirituale dei mussulmani palestinesi,
e il leader nazista Adolf Hitler ...
... e Himmler , grande stimatore della cultura islamica


Le ideologie naziste si insinuarono dunque negli ambienti islamici che già in quell'epoca lottavano contro la costituzione di uno Stato israeliano in terra araba, aprendo scenari del tutto inaspettati ma che comunque aiutano a spiegare anche la storia dei nostri giorni. Non solo, la diffusione dei ideologie antisemite naziste nel mondo arabo, si accompagnò ad un’anomala alleanza tra mondo islamico e mondo cattolico, protraendosi poi nel tempo .
Nella guerra in Yugoslavia abbiamo ancora visto musulmani e cattolici unirsi nello sterminio dei Serbi, con il pieno appoggio del Vaticano, che non ha mancato l'occasione poi di poter mettere le mani sulle loro terre e le loro ricchezze. Il popolo dei serbi è stato cacciato dalle proprie terre in Slovenia, Croazia e Bosnia, ed è stato lentamente sterminato dai croati e dai bosniaci-musulmani, indirettamente manovrati dal FMI e dai banchieri al fine di appropriarsi di un ampio sbocco sul mediterraneo e del controllo di una terra che costituisce una porta verso l’Oriente. Più di 500 000 serbi sono stati uccisi a Jasenovac, e nessun media ne ha mai parlato , né ha messo in discussione la versione ufficiale, per cui tutte le strutture, i governi e le istituzioni che hanno taciuto lo sterminio o appoggiato i carnefici sono i veri colpevoli perché si sono macchiati del sangue di un popolo. Le stesse alleanze tra Vaticano e forze musulmane sono state da sempre celate dati gli elevati interessi in gioco.

L’olocausto degli ebrei ha così nascosto il genocidio dei serbi e palestinesi, considerando che l'esercito nazista bosno-musulmano ha deportato milioni di persone nei balcani per le quali nessun processo è stato sollevato . Gli alleati alla fine della guerra infatti hanno protetto il Mufti, e ciò gli permetterà di sfuggire al tribunale di Norimberga malgrado le domande della Yugoslavia ed il libro del cacciatore dei nazisti, di Simon Wiesenthal che lo accusa di aver partecipato allo Shoa. Il grande mufti continuerà dunque a giocare un grande ruolo nel mondo arabo .

Il piano di Hitler era molto ambizioso perché la sua intenzione non era solo sterminare gli ebrei, ma combattere le democrazie occidentali per fondare un nuovo ordine, che avesse il suo fulcro nella Grande Germania.Il pensiero di Hitler, il suo Mein Kampf, circolava come opuscolo nella cultura islamica, e oggi trova i suoi più illustri eredi nelle Banche: ciò che Hitler non è riuscito a fare, è stato invece realizzato delle Banche. Il sistema usuraio uccide i popoli, le etnie con le sue tradizioni, e le strutture che dietro di lui di nascondono attuano strategie di controllo mentale che uccide le democrazie, il pensiero e manipola le coscienze.Oggi dobbiamo almeno far capire a questi politici da quattro soldi, che non dobbiamo fare lo stesso errore commesso nella Rep Srpska, terra dei serbi di Bosnia che da sempre vivono lì mentre altri si sono lì rifugiati scappando dalla Croazia per sfuggire alle persecuzioni degli ustascia , dai musulmani e prima ancora dai tedeschi. Oggi in Croazia si festeggia cantando in tedesco la cacciata dei serbi, mentre i serbi nello stesso giorno piangono i loro morti. Questa è l ‘Europa! Questo è ciò che i nostri politici hanno fatto ai nostri popoli, servendosi di Carla del Ponte, che non è altro che una pedina nelle mani del FMI, è una criminale perché ha ucciso chi cercava di difendere il suo Paese e non l’ha tradito come invece ha fatto Ciampi.Pannella , forse perché l’ha chiamato la regina Elizabetta per fargli fare l’ennesima pagliacciata, indossa una divisa croatae con un solo gesto uccide la memoria di migliaia di serbi. Emma Bonino, invece tramite Soros, che intanto era stato cacciato dalla Bielorussia perchè condannato da un tribunale italiano perché voleva fare la stessa speculazione fatta in Italia, sosteneva la pulizia etnica del Kosovo, adducendo tante di quelle falsità, come i treni blindati e tutte le fantasie che le hanno imbeccato ricoprendola di denari.

19 aprile 2006

Il "sabotaggio" come strumento di controllo mentale


Gli assurdi eventi che ci circondano ci inducono spesso a pensare cosa mai “è diventato” l’uomo e cosa il mondo, mentre la domanda più giusta da porsi è “dove ci porterà il mondo e cosa noi diventeremo”. Siamo entrati ormai in un’epoca dai tempi difficili, in cui i problemi economici ed energetici porteranno gli individui sempre più vicini allo scontro di civiltà, in uno stato di guerra perenne e controllata.
Questa è una guerra psicologica, è il sabotage che spinge il male contro il bene, è un controllo mentale. Dall’oggi al domani ci saranno in Europa rallentamenti,tagli alle amministrazioni pubbliche, blackout di elettricità , disservizi nei voli e nei trasporti, e sopratutto potremmo assistere ad attentati di grande effetto nei centri commerciali , oppure a rapimenti e sequestri: tutto ciò che potrà scatenare la vendetta dei signori della guerra.

E ancora avremo un costante deterioramento nei sistemi di telecomunicazione, rallentamenti od ostruzioni amministrative, le perturbazioni nelle reti di trasporto, i difetti di fabbricazione industriali, licenziamenti di massa. Il sistema economico verrà paralizzato, reso parassitario e tutti i poteri agiranno per il sabotaggio. Il sabotaggio è una forma di criminalità molto ambigua, contro la quale è molto difficile lottare, e una volta diffusa sarà difficile ristabilire un clima vivibile per i popoli.

La crisi monetaria e petrolifera ben presto si faranno sentire, la situazione economica degli Stati più deboli così come degli individui sarà sempre più precaria a causa della perdita del potere d’acquisto dei propri salari e del fallimento delle imprese, ormai ridotte allo stremo. Il malcontento e il malessere sociale sconvolgeranno l’equilibrio politico già precario degli Stati, perché le folle si solleveranno in manifestazioni sempre più violente . La criminalità, i suicidi e gli atti di pura follia saranno ormai frequenti e all’ordine del giorno, e contribuiranno a creare una sensazione di caos e smarrimento.

La crisi dell’Iran ben presto troverà una soluzione, il mondo sarà presto salvato dagli eroi e tutti li acclameranno com e portatori di stabilità politica. Mahmoud Ahmadinejad sarà ricordato dalla storia come il primo presidente suicida, un vero autolesionista che nella follia più pura sta portando un paese in guerra trascinando nel baratro anche l’economia mondiale. Anche la sua follia omicida che ha armato i missili contro Israele in un momento di grave crisi, rientra paradossalmente nel quadro della guerra perenne, del sabotaggio ad oltranza. Credete che sia infatti frutto del caso che gli Stati Uniti abbiano appoggiato negli anni precedenti il suo governo, pur conoscendo la sua indole fanatica e fondamentalista? Intenzionalmente è stato posto alla guida di un paese così importante, sia per le risorse petrolifere che per la sua posizione geografica, altamente strategica perché porta verso l’Oriente.
Oggi noi siamo in una situazione in cui le forze del male vogliono estrapolare la nostra credenza per rubarci la nostra identità. I media finanziati dai privati, che si spacciano per un’istituzione, attuano un controllo mentale, inviando migliaia di messaggi subliminali, che vanno a corrompere il nostro spirito e mettono in discussione le nostre tradizioni più profonde, perchè noi tutti ci basiamo sul concetto cd. Matrix, ossia di catalogazione dei dati. Mentre noi guarderemo tutte queste assurdità, il pensiero le condurrà ad ambienti islamici, ma in realtà è un controllo mentale, dietro il quale si nasconde il processo di decristianesimo. Il loro obbiettivo è togliere la nostra fede interna, per gettarla poi nel materialismo. Quando parliamo di ricerca mentale è doveroso capire che stiamo parlando di un campo completamente nelle mani delle strutture private, come la Vodafone o National Geografic, che hanno un quadro molto chiaro di quello che qui stiamo dipingendo. Cercate di vedere dove sono le nostre tradizioni, cercate ritrovare e cercare continuamente le vostre origini per non perdervi nel materialismo.

Alla base del controllo dei poteri non vi è un gruppo di persone, ma di intelligenze artificiali, programmi che elaborano dati ed informazioni, calcolatori non convenzionali. La truffa così com’è strutturata non può essere gestita da un gruppo di persone ma da programmi: le grandi società che raccolgono e trattano dati nascondono dei processi lavorativi. È assurdo e molto grave che un Paese utilizzi per i data base della polizia di Stato i software della LOTUS e della IBM, e gli stessi programmi sono usati da tutte compagnie telefoniche, dalle Banche e dalle intelligence. Non esiste oggi un elaboratore che sia in grado di compattare e gestire la disinformazione, e non avendo questa tecnologia noi non potremo mai capire in tempo cosa stia succedendo perchè la tecnologia che abbiamo è obsoleta.
Vengono emanate leggi per la “protezione dei dati personali” delle imprese alquanto strane, perché oltre ad essere inutili rimettono la sicurezza delle informazioni di un’impresa alle società di consulenza e di ricerca dati. Gli uffici di statistica, come l’Instat, sono le società più finanziate, e i loro calcolatori elaborano dati demografici, di produzione, di consumo, dati personali. Se per esempio tramite gli elaboratori si è in grado di sapere quanto un Paese consuma di una determinata materia prima, è possibile poi giocare su tale informazione con le politiche sui dazi, sulle quote di importazione, sulle regole del commercio al fine di indebitare e sottomettere un popolo. Uno Stato indebitato è una facile preda dei suoi Creditori più potenti, che possono così rastrellare le sue ricchezze in maniera lenta e invisibile. Le direttive CE sono ideate e scritte dai comitati d’esperti che affiancano segretamente la Commissione Europea e nei quali siedono i consulenti delle multinazionali, gli stessi gruppi che poi profitteranno dalle leggi che saranno emanate.

18 aprile 2006

Ciò che noi dicevamo, oggi lo conferma il Financial Times

Il Financial Times lancia l’allarme del “rischio Argentina” in Italia, per la quale si nasconde il fantasma del fallimento e dell’uscita dall’Euro, se le tempestive riforme per contrarre il debito pubblico non sortiranno gli effetti desiderati dalle Agenzie di rating.

Le parole dell'editorialista e condirettore del Financial Times, Wolfgang Munchau, richiamano gli stessi toni delle previsioni e delle analisi della Etleboro, in particolare del suo socio fondatore Michele Altamura, in "Dopo tanta finanza creativa si ritorna al passato". Questi, infatti, ha ripetutamente sottolineato in molteplici interventi che lo scenario italiano è molto problematico ed incerto, ma che sicuramente l’Italia avrebbe dovuto prepararsi a tempi molto difficili in cui sarà la “guerra del credito” a dettare legge. “L’Italia certamente tornerà ad una moneta complementare accanto alla lira. È ora che i politici italiani comincino a studiare cos’è la moneta e il sistema economico, perchè sono degli ignoranti. La crisi energetica porterà all’iperinflazione, il denaro sarà carta straccia, e occorrerà tornare alla moneta come mezzo di scambio non come strumento di potere”.

L’Italia possiede il terzo debito pubblico più elevato del mondo, nonostante l’elevatissimo cuneo fiscale, i tagli alla spesa pubblica, le dismissioni del patrimonio statale e una bilancia commerciale, seppure incostante, dai saldi non preoccupanti. L’esito elettorale dunque non è la peggior cosa che poteva capitare all’Italia, ma sicuramente non garantisce stabilità alla situazione politica, figuriamoci poi sicurezza economica.

Il Financial Times rinvia il giorno del crollo al 2015, dopo anni di finanziarie e manovre-bis che daranno tanto materiale di cui discutere agli speculatori, che già oggi scommettono con i “default swap”, cioè titoli che danno diritto al rimborso solo in caso di fallimento. La Etleboro crede che il momento dell’uscita dall’Euro è più vicino di quanto non si creda, che non servirà un qualsiasi movimento populista a portare l’Italia fuori dall’Europa. I patti di Maastricht saranno obiettivi sempre più difficili da rispettare, perchè assolutamente non calibrati sulla situazione economica reale.

Le guerre ora si combattono solo per far scena, perché si svolgono ogni giorno su un pc”, perchè “ esistono le guerre del credito e dei consumatori , che vanno ad indebitare il paese per privarlo delle sue ricchezze, e portano poi all'aumento della criminalità e dei disordini sociali” . Hanno nascosto molte cose sulle patologie economiche, e sopratutto sulla ricerca mentale, oggi finanziate non a caso da entità economiche.


Michele Altamura ha elaborato e scritto, e ben presto divulgherà tramite un canale satellitare, la Teoria del Crimine Invisibile dimostrando nei suoi otto volumi che alla base del controllo dei poteri non vi è un gruppo di persone, ma di intelligenze artificiali, programmi che elaborano dati ed informazioni, calcolatori non convenzionali. La truffa così com’è strutturata non può essere gestita da un gruppo di persone ma da programmi: le grandi società che raccolgono e trattano dati nascondono dei processi lavorativi. È assurdo e molto grave che un Paese utilizzi per i data base della polizia di Stato i software della LOTUS e della IBM, e gli stessi programmi sono usati da tutte compagnie telefoniche, dalle Banche e dalle intelligence. Non esiste oggi un elaboratore che sia in grado di compattare e gestire la disinformazione, e non avendo questa tecnologia noi non potremo mai capire in tempo cosa stia succedendo perchè la tecnologia che abbiamo è obsoleta.
Vengono emanate leggi per la “protezione dei dati personali” delle imprese alquanto strane, perché oltre ad essere inutili rimettono la sicurezza delle informazioni di un’impresa alle società di consulenza e di ricerca dati.

Gli uffici di statistica, come l’Instat, sono le società più finanziate, e i loro calcolatori elaborano dati demografici, di produzione, di consumo, dati personali. Se per esempio tramite gli elaboratori si è in grado di sapere quanto un Paese consuma di una determinata materia prima, è possibile poi giocare su tale informazione con le politiche sui dazi, sulle quote di importazione, sulle regole del commercio al fine di indebitare e sottomettere un popolo. Uno Stato indebitato è una facile preda dei suoi Creditori più potenti, che possono così rastrellare le sue ricchezze in maniera lenta e invisibile. Le direttive CE sono ideate e scritte dai comitati d’esperti che affiancano segretamente la Commissione Europea e nei quali siedono i consulenti delle multinazionali, gli stessi gruppi che poi profitteranno dalle leggi che saranno emanate.


Non è assolutamente vero che la guerra non esiste. La guerra esiste e come, perchè nelle nostre tasche manca il denaro.

Senza parole

Vi mostriamo un video che non potrà
non lasciarvi senza parole...

... e poi dirigono conferenze di pace ,

conducono lotte al terrorismo

e parlano dei Serbi come assassini!


15 aprile 2006

Bush stampa tonnellate di carta straccia


La Casa Bianca ha ordinato segretamente alla Federal Reserve di stampare due bilioni di dollari e di metterli immediatamente in circolazione, per inondare il mercato statunitense e l’economia mondiale. Ecco che quanto coraggiosamente denunciato e dimostrato con valide argomentazioni da Etleboro in queste ultime tre settimane, stia davvero accadendo. Abbiamo analizzato e monitorato i mercati borsistici di questo mese di “marzo” giungendo a delle conclusioni che il tempo e la forza degli eventi stanno confermando.
La Federal Reserve lo scorso 20 marzo ha annunciato che non avrebbe più pubblicato i dati della “M3”, ossia dell'ammontare della moneta stampata dal governo e messa in circolazione. In questo modo, tuttavia, non c'è alcun modo di sapere, per il pubblico, per gli investitori e i possessori di Titoli del Tesoro, quanta valuta esiste, né alcun modo per conoscere quanto un "dollaro" veramente valga. Questo probabilmente spiega perché il Segretario del Tesoro si dimise mesi fa e fu sostituito da un collaboratore di Bush , e perché lo stesso Greenspan si è dimesso molte settimane fa dalla carica di Governatore, appunto per non affondare con la sua nave. Anche il dibattito dell'Amnistia dell'Immigrazione ha lo scopo di deviare intenzionalmente l’attenzione dal grande evento della svalutazione degli Stati Uniti. Accanto alla mancata pubblicazione degli M3, Bernanke il 28 marzo ha annunciato un aumento dei tassi di interesse sui Titoli del Tesoro, con una variazione più marcata sui titoli di breve scadenza rispetto ai titoli pluriennali, cosa di per sé anomala in un’economia sana.Una scelta questa assai discutibile in un momento in cui il rischio di recessione è molto elevato e il debito pubblico è giusto al limite sostenibile, stando al rapporto della stessa FED risalente al 23 marzo: aumentando il costo dell’indebitamento, degli investimenti e del consumo, e deprimendo il mercato azionario, non si fa altro che accelerare una crisi già in atto.
E infatti il motivo è ben altro, ossia quello di svalutare il dollaro per svalutare anche i debiti e per rivalutare invece la bilancia commerciale, che soffre l’aumento delle importazioni verso le economie emergenti, che grazie a questi surplus sono riuscite ad accumulare riserve sino ad 800 miliardi di dollari. Tale processo di svalutazione sfuggerà tuttavia al controllo della FED nel momento in cui i grandi detentori di riserve in dollari, ossia i paesi produttori di petrolio e i paesi in via di sviluppo, non decideranno di “diversificare” il portafoglio a favore di una moneta più forte.
Entra a questo punto in scena l’euro, che è nato appunto per diventare il nuovo punto di accumulazione degli investimenti. L’Iran ha infatti da tempo stabilito che scambierà il proprio petrolio solo a fronte di euro, spingendo così tutti i paesi a vendere i propri dollari. E questo è proprio ciò che sta accadendo: le banche centrali di Cina , Giappone, Qatar e Kuwait hanno dichiarato che immetteranno sul mercato gran parte dei titoli denominati in dollari. Sarà assolutamente impossibile per gli Stati Uniti far fronte ad una tale richiesta di solvibilità, in quanto la massa di dollari in circolare è almeno 60 volte superiore all’economia reale statunitense. Inoltre l’aumento dei tassi interesse da parte della BCE avrà l’effetto di richiamare gli investimenti degli ultimi euroscettici.
Questa è la vera guerra che si sta combattendo, e Bush non ha altra scelta che muovere guerra all’Iran per frenare il crollo del dollaro, ma nulla potrà fare per evitare il collasso dell’economia statunitense, e di quella di tutte le altre economie fortemente agganciate al dollaro e al petrolio. La bufera che si è abbattuta sull’amministrazione Bush in questi giorni ne è una prova: la crisi è inevitabile e delle scelte sono state prese.
La guerra all’Iran è stata infatti rimandata e posticipata solo per ragioni meramente tattiche, e questo temporeggiamento ha reso possibile il terrore mediatico e la creazione di un nuovo nemico da combattere: nemico dell’occidente e di Israele.
La crisi petrolifera che si produrrà, accanto alla caduta del dollaro come moneta di riferimento del sistema monetario internazionale, produrrà una iperinflazione che non ha nulla da invidiare a quella del secondo dopoguerra. Il timore del scoppio di questa enorme bolla finanziaria è ormai diffuso, tanto che il costo dell’oro, bene rifugio per eccellenza, ha raggiunto i massimi storici di questi ultimi 25 anni, così come è avvenuto nel mercato delle commodities.
Il capitalismo sta ormai crollando, il concetto di economia basato sulla mera speculazione senza alcuna base reale produttiva è destinato a tramontare, e un nuovo modo di fare economia è alle porte. Saranno le merci e i beni materiali ad essere il fulcro degli investimenti, e così anche il controllo dei traffici e dei porti sarà la nuova arma nelle mani delle lobbies. Noi non vedremo le bombe cadere ma ne sentiremo gli effetti devastanti: le economie più deboli crolleranno al primo soffio, e quelle avanzate dovranno affrontare gravi recessioni.

13 aprile 2006

Sulle rotte di Overland


Le crisi internazionali, le guerre civili e le privatizzazioni non sono mai causali, perché tutte sono legate da un filo conduttore, da un piano orchestrato dalle Lobby bancarie per il controllo delle risorse.
Ogni Stato che si affaccia sul Mediterraneo in un modo o nell’altro si trova affrontare scandali e problemi internazionali, con strane e ambigue storie che lasciano dietro di sé uomini di Stato arrestati o denigrati, governi distrutti , e multinazionali e Banche che banchettano. Deve far riflettere il fatto che Overland con i suoi mezzi e le sue apparecchiature ha percorso rotte e toccato delle tappe tutte sul sentiero di guerra.

Dopo il 1991, la Banca Mondiale invade e saccheggia l’Albania, il Fondo Monetario Internazionale la indebolisce trasformandola in una società del debito per privarla di uno sbocco sul mare. Giunge nel Paese anche la Missione Alba, che è stato l’unico esercito al mondo ad accettare di entrare in Albania senza armi, e il potere cattolico che, con la visita del Papa, si è rimpossessato delle terre che in passato appartenevano al Vaticano. Con la guerra in Yugoslavia molte popolazioni musulmane sono giunte nei balcani, e tra queste molte società arabe, kuvatiane e libanesi. L’Albania possiede infatti una posizione strategica, ha un golfo naturale a Portopalermo e a Valona : può essere il centro e il terminale internazionale.
Tutte le forze finanziarie arabe sono state messe sotto accusa dal governo americano per terrorismo al solo fine di impedire che qualcuno mettesse le mani su quei porti. Al momento in Albania vi sono due entità, la British Petroleum e la Società Petrolifera italo-rumena . Un accordo con l’Italia per la privatizzazione delle “acque” di una località del sud dell’Albania stava per essere concluso : questa regione infatti è ricca d’acqua ma la popolazione e le imprese non ne hanno. Mentre l’operazione stava per giungere a buon fine misteriosamente ed inspiegabilmente, la sorgente ha smesso di sgorgare, o almeno ha ridotto la gettata fino al punto da non consentire più un investimento. Infatti, quando i Presidenti cominciano ad opporsi, a dire no per cercare di trovare un accordo con i russi per garantirsi uno sbocco sul Mar Mediterraneo, l’Albania rimane due mesi senza luce dopo un patto scellerato con Belgrado grazie al benestare russo. Centinaia di piccole imprese sono fallite, e non un dito è stato alzato dai Media per denunciare questo crimine. Inoltre, giusto per rincarare la dose, gli ambasciatori si sono arrabbiati perché rimasti al buio: il Presidente in quell’occasione ha pubblicamente risposto che l’ambasciata americana non pagava da due anni e mezzo una sola bolletta.

Durante questi lunghissimi anni l’Albania è stata saccheggiata e illusa da ambasciatori, uomini di Stato e messaggeri di pace, dai trattati bilaterali da quattro soldi, perché a conti fatti erano a senso unico. Per anni le multinazionali hanno destatati e divorato tutto al loro passaggio, mentre le Associazioni come Mijaft e la Acac controllavano e attaccavano i partiti politici che difendevano, nella loro ignoranza, la politica del governo. Quello a cui noi assistiamo è frutto di una verità negata, della disinformazione e dell’Etnocidio dei popoli.
La Serbia è stata bombardata e il Montenegro chiede la secessione . In tutto questo, Milo Djukanovic, primo ministro montenegrino, è da molto tempo oggetto di una inchiesta a Bari e a Napoli per il traffico di sigarette dal Montenegro all'Italia. Così ogni qual volta il governo montenegrino va fuori del tracciato, l’Ansa e il Magistrato lo richiamano per ristabilire l’ordine delle cose. La Bosnia , l’anima delle anime dei Balcani, è stata spaccata in due, e poi in tre. Hanno costruito castelli di falsità, tra stermini e odi razziali, perché nè i serbi di Bosnia né i Musulmani dovevano avere uno sbocco sul mare . E così chiunque ha azzardato l’ardua impresa è stato spedito all’Aja tramite Carla del Ponte e il Commissario Europeo, che non sono altro che dei predicatori e fedelissimi servitori dei Banchieri, mentre Transparency International e Eurfor monitorano e controllano. Stranamente ogni volta che questi guardiani dei Baroni Ladroni fanno un blitz trovano cento mila euro sotto i materassi dei politici.
La Croazia si trova nella stessa situazione, perché è tenuta sotto scacco da Carla del Ponte ,che minaccia di alzare un polverone di antichi odi etnici, restituendo ai Serbi i soldi di 12 anni fa e le terre da cui sono stati cacciati, ovviamente dopo che il Vaticano prendesse le sue.


Possiedono le carte e i documenti, così manipolano la verità per ricattare e tenere in pugno degli Stati sovrani che sovrani non lo sono più, i loro popoli sono stati spostati e le etnie disperse creando caos e alimentando conflitti etnici. Il Vaticano, in occasione del conflitto nei balcani, non si schierò accanto ai cristiani ortodossi, ma ai musulmani, dando vita alla Bosnia e Erzegovina, che significa Croazia e Bosnia. Una scelta che non ha nulla a che vedere con l’incontro ecumenico di cui si va tanto parlando, e forse è arrivata così in fretta la Santità di Wojtyla per evitare che si andasse ad indagare troppo sul suo pontificato. Dati i suoi interessi immobiliari e speculativi, con forti ingerenze nel sistema bancario e persino una partecipazione nel Casinò di Montecarlo, il Vaticano sembra più una Holding che un’istituzione religiosa. Secondo un antico proverbio, se “annientate i santi e liberate le carceri , vedrete che regnerà la pace”; del resto lo dice anche la Bibbia che i veri religiosi sono coloro che vivono come fratelli e le sorelle, mentre gli altri sono degli impostori.
Continuando il nostro viaggio sulle rotte di Overland, incontriamo la Grecia, che nonostante faccia parte della Comunità Europea, ancora mantiene una dichiarazione di guerra contro l’Albania. I Greci infatti si sono impossessati delle terre dei Ciam albanesi, una etnia piccolissima che da tempo sta denunciando questo furto. A quanto pare la Grecia oltre a vincere il Campionato Europeo di calcio, ed essere la sede delle olimpiade, è anche qualcos’altro. Inoltre il governo greco è stato recentemente colpito da un grande scandalo, perché tutti i ministri erano ascoltati dalla Vodafone, inclusi i servizi segreti : immaginate che persino il tecnico si è suicidato prima che si divulgasse la notizia.
Infine, non tutti sanno che esiste un chiaro e duro contenzioso tra l’Istria e l’Italia, che in questo momento sta dando “sotto banco” le cittadinanze a tutti gli istriani.

In quest’ epoca indimenticabile gli inglesi, tramite la National Geografic, la rete dei messaggi subliminali per eccellenza, stanno dicendo che Gesù non camminava sull’acqua ma sul ghiaccio. E ancora, dopo il botta e risposta con Prodi e l’arresto di Provenzano, Berlusconi interviene e dice che molte schede valide sono finite nel cassonetto: ecco che cominciano le contestazioni e i ricorsi per i brogli.

12 aprile 2006

Un po’ di cose sulla destra e sulla sinistra


Bernardo Provenzano, è stato arrestato in realtà tre giorni prima della data di cattura ufficiale, ossia quando il Ministro degli Interni affermò che avevano sventato un attentato islamico, complimentandosi con gli uomini delle intelligence. Quando parlò di attentato noi abbiamo subito risposto a tono, mostrandogli chi erano i mandanti, chi erano i veri criminali.
Arrestare Provenzano è stata una mossa del tutto poltica, economica e strategica e chi vuole far credere che non vale più niente, si sbaglia, e anche di molto. Un giorno un tizio molto influente e importante mi disse che i giornalisti parlano e dicono “Minchiate”, “senza le Carte e i piccioli” non conti niente.
Delle elezioni un po’ strane ci hanno consegnato un parlamento in cui Di Pietro e Rosa nel Pugno possono avere una voce in capitolo, e questo secondo loro significa governabilità? Cossiga intanto ha già fatto sapere che non vorrà essere assolutamente interpellato, perché ormai lui è troppo vecchio per questi giochini.

Questa grande partita la chiameremo "Shipping " , tanto per ricordare che qui “nessuno è fesso”.
Signori la Sinistra sta preparando il colpaccio che sfiora la più sordida immaginazione! Il signor Prodi fa parte delle stesse Lobby che si incontrarono sul Britannia, e ha in programma di creare un interporto a Malta per lo scambio delle merci. Mentre un'altra Lobby vuole il Ponte sullo Stretto di Messina, così come la realizzazione del progetto MAAS, l'interoporto di Catania che diventerà il nuovo centro per gli scambi commerciali di prodotti agro-alimentari sia verso l'Europa continentale che il Mediterraneo.
Tutto dipenderà da un’azione di grande portata, dall’esito di una guerra sotterranea: i porti americani e inglesi stanno per essere ceduti ad alcune società di Dubai , con capitali che certamente non provengono esclusivamente dai petrolieri e dai capitalisti musulmani. Il capitalismo di Dubai è la vergogna dell’Islam, e bisogna stare attenti a non voltare lo sguardo ai veri finanziatori, cioè i Banchieri Occidentali, come la Goldman Sachs che sta premendo per avere i porti inglesi, affiancati da alcuni personaggi del mondo islamico, come ad esempio Bin Laden . L’obiettivo è controllare il traffico delle merci, tra cui la rotta che partendo dalla Cina e giungerà sino all’Europa costeggiando il Suez e i porti dei balcani.

La campagna acquisti è già cominciata, anche perchè non credo che qualcuno farà il conteggio dei voti e anche se lo faranno sarà comunque una farsa. Ognuno era convinto di fregare l’altro e quindi ciascuno avrà preso provvedimenti per cautelarsi in qualche modo. Così adesso anche qualche pentito, come Fiorani, ricorderà le tangenti versate a qualche deputato di Forza Italia per sostenere Fazio e la scalata a BNL : più si faranno sentire le parole del “bene del Paese” più le indagini proseguiranno superando la stasi che si era creata.

Una nuova tangentopoli si sta avvicinando, sperando che qualche altro magistrato non si faccia prendere la mano, mentre qualche comico sta infuriando sul palco per incassare e ha bel pensando di attrezzarsi a casa con Internet, in modo che nessuno lo scopre così. Davanti alle telecamere tutti inneggiano per il Bene del Paese, e come dei bambini alla scuola elementare gridano “Ho vinto Io”, oppure “siamo compatti” per garantire la stabilità e la governabilità, ma in realtà stanno tessendo una tela per i loro sporchi affari con le lobbies più potenti.La posta in gioco è l’Asia, e si stanno avventando sull’osso da spulciare come pazzi. All’interno del mediterraneo, le 60.000 mila navi diventeranno ben 250.000 mila , e chi guadagnerà da questo business colossali? In quali porti sbarcheranno e quali società vinceranno la vera guerra?E poi tutti parlano del Bene del paese...

L'Etnocidio si nasconde nell'economia

L’anatocismo bancario è quel meccanismo perverso in base al quale le banche calcolavano ogni trimestre gli interessi sugli interessi passivi già maturati , in una spirale debiti- interessi che non conosceva fine : a fine anno il monte debiti si ricapitalizzava con degli interessi usurai sino al 30%. Grazie a questo sistema criminale 300.000 piccoli imprenditori sono falliti, sono stati umiliati, calpestati, truffati, ingannati, arrestati , uccisi. Si sono ammalati di cancro, sono caduti nelle mani del racket e della alla droga, tra i bordelli, le roulette e le amanti . Intere generazioni di futuri imprenditori, e dunque lo sviluppo dell’imprenditoria familiare sono state distrutte. Hanno provocato un danno biologico, sociale ed economico al paese pari ad un vero e proprio genocidio.
Questa prassi, illegittima e criminosa, è stata ritenuta dichiarata un vero e proprio reato solo negli ultimi anni, e le prime sentenze risalgono al 1993 presso il Tribunale di Vercelli, sino a quella della Cassazione del 16 marzo del 1999. Le sentenze avrebbero tuttavia minato l’intero sistema bancario nelle proprie fondamenta, in quanto in molti casi, gli abnomi interessi passivi si sarebbero trasformati in un bel capitale da restituire, a cui occorre aggiungere il risarcimento per danni biologici e reali. Interviene a questo punto il decreto “salva banche” , D.Lgs. n.342 del 4 agosto 1999, che ha cercato di evitare gli effetti disastrosi e devastanti per gli istituti di credito, eliminando la possibilità di ricorrere in giudizio per i contratti precedenti e futuri l’emanazione della legge. L’allora governo d’Alema emana un decreto che toglieva il diritto ad ogni cittadino di chiedere la restituzione degli interessi che gli erano stati addebitati dalle banche usuraie, diritto che gli era stato invece conferito dalle sentenze precedenti, stroncando così anche le azioni per i contratti futuri perché l’anatocismo diventava una clausola legittima. Insomma una legge criminosa ed infima almeno quanto il sistema che cercava di salvare.

E così mentre in Kosovo si contavano i fantasmi, mentre si riesumavano i morti viventi della Bosnia, che tanto vantavano le casalinghe Emma Bonino e Carla del Ponte, l’Etnocidio era in atto in casa nostra. Mentre tutti pensavano di salvare una paese, stavano distruggendo la nostra di Patria. Questi impostori e criminali hanno architettato la truffa in maniera scientifica e strategica, con le immagini di una guerra o di uno sterminio che colpiscono la nostra mente con un messaggio visivo, con metodi invisibili e subliminali che influiscono sul nostro essere facendosi credere che siamo noi i perdenti. Tutto questo è frutto della falsa teoria psicologica e psichiatrica. Le banche tramite la Rokfeller possiedono un istituto per la ricerca mentale, dove hanno nascosto le ricerche, la vera scienza. Abbiamo aspettato 30 anni per avere una “carta” che certifichi che ogni cittadino può riavere i propri soldi, e altri 30 anni dovremo aspettare per averli . E’ questa la truffa, orchestrata da Banca Intesa, da BNL e Unicredit, dai Baroni Ladroni che la sinistra nasconde dietro il sorriso da “idiota” del nostro Prodi . Ovviamente anche il centro destra non è da meno, sono indifendibili perchè non hanno alzato un dito per rendere esecutiva la sentenza del Signoraggio. Questo è l’Etnocidio.

11 aprile 2006

Viviamo in un'epoca indimenticabile

Dall’America con furore abbiamo importato il risultato fino all’ultimo voto.
In ogni caso non esiste più un partito che possa rappresentare un paese e che sia in grado di governare. Prodi parla di una nazione divisa, ma in realtà sembra un vero pazzo, mentre Fassino con lo sguardo di un morto vivente, si agita e fa un gran casino per una vittoria che si regge un solo seggio in più. Insomma invece di andare avanti, andiamo indietro, ed è meglio che questa gente la mettiamo a lavorare, perché parla troppo.

Signor Prodi, lei ha venduto il nostro Paese già troppe volte.

In ogni caso, dato che guiderà il governo, ci impegneremo ad inviarle periodicamente lettere e e-mail per chiederle chiarimenti su molte cose, così costruiremo una bella collaborazione, ammesso che Lei abbia vinto davvero perché 20.000 voti di scarto su milioni di voti non sono davvero nulla. Sembra che Lei abbia dimenticato questo particolare quando è salito sul palco a festeggiare, come ha dimenticato che non erano stati assegnati ancora i seggi degli Italiani all’estero.

Come è già accaduto in Germania, una parità quasi matematica ha decretato la fine di queste folli elezioni. Ma questa è la parità della truffa, i dati e lo svolgersi dello scrutinio sono anomali, ed è comunque una situazione che rispecchia una grave crisi delle istituzioni e della politica. Il Paese si è diviso come per una partita di calcio, il materialismo ci ha portato fin qui: o produciamo o moriamo .

Rimane comunque il fatto che non è il paese ad essere diviso, ma sono i politici a dividere il paese, perchè con tutta la loro intelligenza non riescono a mettersi d’accordo, perché parlano del bene del paese ma in realtà se ne fregano. Sia Prodi che Berlusconi sono fatti della stessa pasta, e dovremmo metterli a spalare la nebbia...
E così gli unici che vincono sempre e comunque sono le Banche, a loro non fa differenza il colore del partito da corrompere, sono tutti uguali...

10 aprile 2006

Non sempre chi ha più voti vince...


Abbiamo assistito a continui ribaltamenti e stravolgimenti dei risultati, tant’è che i festeggiamenti in piazza sono stati improvvisamente interrotti per le dovute cautele.
Prodi aveva ritirato lo spumante e preparato il discorso per la piazza in delirio, ma dovrà aspettare lo spoglio, dovrà aspettare che i dati ufficiali confermino le proiezioni che ribaltano i primi euforici risultati. La Rosa nel Pugno era l’unico partito che inneggiava alla vittoria, sovrastava il silenzio degli altri partiti che sin dalle prime battute hanno smesso di parlare e rilasciare dichiarazioni. Dalle 3 di oggi pomeriggio che aspettano in piazza che Prodi faccia il suo discorso. Ma che fregatura questi exit pol, anche loro come parassiti non servono a nulla: 5 punti di forchetta? Ma pensano sempre e solo a mangiare!
Per sapere chi ha vinto attendiamo adesso lo spoglio dell'ultima tessera dell'ultimo italiano nel mondo, perchè il suo voto sarà l'ultimo ad essere incluso tra i dati uffuciali del Viminale.

Occorre essere coscienti che nessuna coalizione politica ha vinto queste elezioni, nessun partito e nessun programma politico.


I veri vincitori sono i Banchieri, che hanno banchettato in una danza orgiastica tra fusioni e acquisizioni di banche estere, riconfermandosi dunque gli unici elementi trainanti dalla Borsa Valori italiana, dato che ormai le imprese e i titoli azionari stanno pagando le conseguenze del rialzo dei tassi di interessi.
Se la ridono anche le agenzie di rating, alle quali non importa quale sarà il colore del governo che dovrà, in tempi brevi e tempestivi, ridurre il debito pubblico se vuole risparmiare all’Italia il declassamento e dunque il fallimento. A questo punto, data la situazione quanto meno preoccupante, una vittoria lascerebbe comunque dell'amaro in bocca al vincitore.

Hanno vinto gli Italiani all’Estero, che finalmente decideranno per la Madre Patria che non hanno mai dimenticato, che amano ancora e sempre più di ogni altro italiano. Non importa cosa sceglieranno, se centro-destra o centro sinistra, perchè saranno comunque loro a decretare il vero capovolgimento. Finalmente la loro voce avrà la giusta importanza e la tanto meritata attenzione.

La mia patria sarà sempre l'Italia


La voce di Etleboro ha raggiunto anche gli Italiani nel mondo. Luigi vive in Australia da 49 anni, ha compiuto 72 anni a marzo ma non ha mai smesso di amare l’Italia. La Etleboro lo ringrazia per la sua testimonianza, porgendo i più cordiali saluti alla sua famiglia e ai suoi nipoti.

Cosa l’ha spinta ad andare in Australia?
A quei tempi erano pochi i lavori che si potevano fare, la mano d’opera era quasi inesistente, io ero giovane, e appena terminata la scuola , si lavorava solo se avevi conoscenze “ai piani alti”, il prete, il maresciallo dei carabinieri, qualche dottore . Credo che in Italia sia sempre stato così, ma non riuscivo ad accettarlo, non sono mai stato capace di usare la diplomazia per raggiungere uno scopo personale. Allora ero già adulto, avevo i miei “vizi”, fumavo, andavo al cinema, ma soldi non c’erano, così saltuariamente facevo qualche lavoro umiliante. Fu allora che dopo molto pensare e grazie ad un annuncio sul giornale, feci la domanda per emigrare ed eccomi qui.

Com’è composta ora la sua famiglia?
Io ho fatto il servizio di leva in Marina, a Genova, ero “Furiere Gambusiere”, cioè il mio lavoro consisteva nel distribuire le dosi di cibo ai marinai, ed ho conosciuto mia moglie mentre andavo a fare le spese quotidiane . Pe non farla lunga, decisi di farla venire in Australia per poi sposarci : abbiamo avuto 4 figli, tutti ora sposati con dei figli, dai quali abbiamo avuto 16 di nipoti.

Cosa significa per lei essere italiano?
Essere italiano per me è un onore, e mantenere alto e sempre onesto il nome dell’Italia è un dovere per tutti, per me in particolare è un sogno poterci ritornare un giorno.

Luigi, qual’è la sua patria?
La mia patria sarà sempre l’Italia.

Quando l’Italia ha vinto i campionati del mondo, come si è sentito ?
Voi non ci crederete, ma c’è una via, in un sobborgo di Melbourne, chiamato Carlton, dove vivono moltissimi italiani, un viale praticamente tutto italiano. Quella sera c’era una baldoria fenomenale e gli italiani urlavano correndo “viva l’Italia, viva l’Italia”.


Vuole dire qualcosa hai politici italiani ?
Avrei tante cose da dire ai politici italiani. Quando li vedo al Tg1 discutere e discutere, tra di loro senza concludere mai niente, avrei voglia di far piazza pulita con un mitra. Costano milioni ai lavoratori italiani – non solo in Italia, ma anche all’estero – che pagano tasse elevate per avere un branco di fannulloni, cha non fanno altro che sistemare i loro interessi e gli interessi di qualche amico industriale, che magari ha versato cospicue somme di denaro durante la campagna elettorale. Bisognerebbe eliminare tutto quel marciume, non so almeno la metà dei partiti.

La Etleboro si sta organizzando in una rete per chiedere un codice etico sull’economia. Cosa pensa a tal proposito
È senz’altro una bella impresa, ma bisognerebbe aprire il cervello alle persone che sono al comando per piantare il seme dell’economia nella loro testa, perchè credo che la parola economia non esista nel loro dizionario. Ma se la Etleboro riuscirà a smuovere la montagna che si trova davanti, ben venga.

Vuole aggiungere qualcos’altro?
Vorrei dire a tutti gli italiani che leggeranno questo articolo, che bisognerebbe unirsi tutti assieme per far sentire la nostra voce. Ringrazio inoltre la Etleboro che si prende la responsabilità e l’obbligo di informare gli italiani di tutto il mondo su cose che il nostro governo ha grande premura di far sapere, perchè vuole mantenerci tutti nell’ignoranza.