Motore di ricerca

21 febbraio 2011

Le rivoluzioni franco-britanniche


Roma/Balcani - "Il Nord-Africa è in fiamme, un'escalation di rivolte trasformatesi ben presto in guerre civili. Questa è la guerra del Mediterraneo, volta a tracciare le nuove sfere di influenza energetiche e sottrarre ogni controllo all'Italia". Questo quanto dichiarato da Michele Altamura, direttore dell'Osservatorio Italiano, secondo il quale sono ormai evidenti le manipolazioni delle campagne di disinformazione e dei falsi giustizialismi, volti a creare le "false rivoluzioni colorate" e così delle nuove false capitali islamiche. Un grande ruolo è ora svolto da Internet e dai social-network che rivelano così un volto molto pericolo, ossia di strumento per la creazione di assembramenti e riunioni di protesta, così come per il coordinamento delle grandi masse. In gioco vi sono gli interessi dei giganti petroliferi degli antichi colonizzatori franco-britannici dell'Africa, che con Total, Chevron, Exxon, Shell e BP hanno tracciato i propri imperi energetici, decidendo ora la destituzione di quei Governi che loro stessi hanno contribuito a creare. L'Italia, con i suoi piccoli giganti, è ora costretta ad arretrare sempre di più, vedendosi quasi costretta a lasciare Tripoli e la lunga serie di cooperazioni economiche sottoscritte con Gheddafi, mentre da sola dovrà affrontare l'ondata dei rifugiati che premono sulle coste di Lampedusa.


Tali eventi non potranno non avere un'eco anche nei Balcani, dove i Governi dalla stabilità già precaria rischiano di essere bersaglio di manifestazioni incendiarie, viste le implicazioni etnico-religiose sempre in gioco. Si ingrossano così i forum e i blog che fomentano odio, malcontenti, scontri, utilizzando ogni banale pretesto per accendere le micce degli scontri. Dall'aumento dei prezzi al congelamento delle pensioni, dalla costruzione di una Chiesa all'espropriazione di un terreno. Le zone calde nell'area balcanica sono tante, primo tra tutti il Sangiaccato che rivendica l'autonomia e maggiori diritti per l'etnia bosniaco-musulmana, seguito poi dalla Bosnia Erzegovina, polveriera in cui vengono trafficate troppe armi e troppo esplosivo, ed infine la Macedonia che non ha ancora risolto l'equilibrio interno macedone-albanese. I governi, in questa guerra silenziosa, non hanno strumenti per monitorare queste nuove realtà, in cui vi sono programmi specializzati volti ad innescare conflitti inter-etnici ed interreligiosi, tutto questo gestito in maniera trasnazionale. "I media non rappresentano più la libertà di stampa, ma sono diventati solo ed esclusivamente dei cartelli di disinformazione e di provocazioni, sono delle società private con degli interessi economici. La nuova "rivoluzione internettiana" serve unicamente a cambiare le zone di influenza e a mettere al potere governi-fantoccio ingovernabili - afferma Altamura -.L'Italia resta a guardare impassibile questo scenario paradossale, in cui sia la Russia che l'America o l'Inghilterra, e persino l'ultimo paese sperduto, possono infliggere ovunque un qualsiasi colpo.


17 febbraio 2011

La Depravazione Democratica

Televenditori, piazzisti, cocainomani, falsi gay, 'rincoglioniti di Facebook': tutti gridano alla democrazia. Tutti lottano per la libertà e le false rivoluzioni, sono eco dei nuovi stereotipi, dal 'bunga bunga' e la carta di credito, al complotto giudaico-massonico. Tutto contribuisce a creare un'orgia mediatica, dove ognuno spara più lontano che può, perchè in gioco c'è un posto al potere, una volta finita la defenestrazione di quello attuale. In prima fila vi sono le ONG finanziate dai cartelli lobbystici, che predicano la morale ma hanno i conti a Cipro e alle Cayman, e riciclano la polvere bianca, i bond, i collaterali, anche se è sempre colpa del terrorismo. Poi ci sono le integrazioni, le riforme, le privatizzazioni in mano ai finanzieri internazionali, per poi finire con le manifestazioni di piazza e la caduta dei dittatori 'made in USA', tutto in diretta globale sponsorizzata dalla CNN.

Come sempre, in questa nuova crisi mondiale del brand 'Yes We Can', arrivano i mistificatori americani - 'Mister brachetta abbassata' e la sua ONG Clinton Global Initiative - che promettono di sistemare tutto con i dollari a testa grossa, portando con sé anche la stamperia per paura delle rapine. Sono state ben nutrite le ONG che, cariche di soldi, assoldano vecchi truffatori di macchine rubate, consulenti di fantomatiche università, assoldano giornali per portare avanti le campagne diffamatorie contro dei governi, innalzando proteste. Dal 'Popolo viola', alle foto scandalistiche, dalla cocaina al gossip, dalle casalinghe annoiate agli internettiani che costruiscono 'case e fattorie' virtuali : questa sarebbe la nuova società dell'equità e dell'etica. Nascono così questi simulacri di 'giustezza', dai valori riciclati, come Saviano che viene ad illuminarci sulla verità della Camorra. Non male per chi ha scritto un libro, immaginate cosa diventerà chi scriverà l'enciclopedia, sarà la salvezza del mondo. Immaginate poi se il nostro Saviano avesse scritto sulla Cooperazione Italiana (...ma quella è un'altra storia, non tira, è una questione di viagra).


Intanto, mentre i guardiani dormono, i grandi progetti energetici italiani sono sabotati continuamente, una serie di scandali, come anticipato dall'Osservatorio Italiano si apprestano a venire alla luce per portare la gente nelle piazze. Le bande armate di facebook fanno test su test su come scatenare un'offensiva mediatica di tutto rispetto. In contro-risposta nulla, il deserto. Ricordiamo solo un timido discorso di Frattini a Belgrado che, non sapendo cosa dire, afferma che bisogna fare una serie indagine sul traffico di organi. Della serie, "abbiamo riconosciuto l'indipendenza, abbiamo bombardato Belgrado, ma il Kosovo è un groviglio di traffici e criminalità". Insomma l'Italia è con i serbi, basta che firmano i contratti, altrimenti può cadere il governo italiano.


Nessuno quindi dice che gli Stati pagano il pizzo al Fondo Monetario Internazionale con l'aumento dei prezzi e i fallimenti delle loro società. Con la loro squadra di esperti e consulenti dettano regole e vincoli per concedere prestiti miliardari che non potranno essere mai restituiti. Subito al seguito, si staglia il corteo di analisti e e tuttologi, pagati e strapagati per fare il copia incolla dai report prestampati della Banca Mondiale. La guerra non dichiarata vede da una parte gli oligarchi russi vicini ad entrare economicamente nell'euro, e pagare i debiti dei paesi poveri dell'UE, mentre dall'altra i lobbisti americani, scatenati a stampare dollari da tutte le parti, invadendo e drogando piccoli Paesi, mentre si apprestano a creare un'offensiva con le rivoluzione colorate per salvaguardare i propri interessi.
Molti media sono tuttavia complici di questo sistema, forniscono informazioni scientificamente false per una guerra mediatica, studiata per abbattere qualsiasi avversario. Non si fanno più dossier e studi, ora c'è il popolo delle escort, dei forum. Bruxelles dice che la democrazia si testa con il Gaypride, con i livello di corruzione e la libertà di stampa, ma le statistiche sono tutte sballate e su quelle si stilano i pareri dell'integrazione. Questo è il mondo dei 'democratici', di gente che ci ha portato fino a questo punto imbrogliando, mentendo per anni, riuscendo a risolvere le crisi solo con i conflitti. Con il pretesto della libertà di stampa, oggi si può dire tutto, anche inventare di tutto.


Da parte nostra, ci godiamo lo spettacolo della nuova guerra mediatica, così ricca di tecnologie ed esperti, la cui unica arte è parlare di governi corrotti, di prostituzione e orgie: questa è la nostra civiltà. Siamo purtroppo costretti a guardare questo shock di civilizzazione, convincendo le persone che si può guadagnare senza lavorare, vendendo illusioni, e tutto questo sta portando al disastro. La gente è convinta che non può vivere senza mettere una nuova foto sul proprio profilo, tanto che società ed uffici hanno dovuto censurarlo sul lavoro, perchè molti erano ipnotizzati. In realtà queste sono strutture pagate da finanzieri per creare all'interno di questi sistemi informatici, delle false crisi ed aizzare la gente. La crisi viene dal web stesso, e mentre le bollette aumentano c'è da farsi una domanda sul perchè non rendere pubblici i contratti di tutte le multinazionali sull'energia elettrica? Forse siamo ancora lontani da tali realtà, anche perchè i nostri magistrati sono interessati a ben altro. E' un crimine anche quello, quello di non guardare alcuni reati e condannare per direttissima altri.

14 febbraio 2011

Collaterali nei Balcani: garanzie per riciclaggio di denaro e traffici illeciti


Il sequestro in Italia di una ingente quantità di collaterali al portatore Federal Reserve, per un valore di oltre 20 miliardi di dollari, hanno riacceso l'allarme sulla diffusione di titoli carta-straccia nel mercato bancario e finanziario. Il pacchetto di 40 obbligazioni datati nel 1930 e denominati ciascuno per circa 500 milioni di dollari, secondo gli inquirenti, sono il risultato di un'ottima e dettagliata tecnica di falsificazione. Sono destinati a fungere da garanzia per operazioni di riciclaggio di denaro sporco o transazioni illecite, con la complicità di società fiduciarie ed istituti di credito. E' avvolta invece da mistero la loro provenienza e, sulla base di alcune informazioni ufficiose trapelate presso gli inquirenti, i titoli provengono da un Ministro albanese che li avrebbe ricevuti da un intermediario della Repubblica Popolare Cinese. Questo dettaglio va così a confermare che i Paesi dei Balcani, ed in particolare l'Albania, sono oggi diventati dei mercati molto attraenti per questo genere di transazioni, sia grazie all'assenza di controlli e alla scarsa conoscenza di queste operazioni finanziarie, sia per la diffusione di traffici illeciti di armi, droga e rifiuti.

Questo tipo di titoli falsi sono caratterizzati dal fatto che riportano cifre molto elevate (centinaia di milioni di dollari) che spesso sono inverosimili per la data di emissione (anni 1930-1950), e sono al portatore, tale che il possesso vale come proprietà. Il traffico di questi titoli viene organizzato mediante delle vere centrali tramite mercati neri, usando avvocati, brokers,personaggi affiliati a massonerie e organizzazioni nate in paradisi fiscali, che vivono nelle pieghe del sistema finanziario e politico. Si tratta di ambienti che crescono in quei Paesi ancora in via di sviluppo, ed in questo i Balcani rappresentano in vero e proprio vespaio. Montenegro, Albania, Kosovo, Macedonia, Bosnia, sono Paesi del tutto controllati da gruppi bancari, e che sono stati trasformati in crocevia per smerciare e rastrellare titoli. Singoli brokers, collegati a società di traders e poi a fiduciarie di importanti banche d’affari, comprano sulle piazze di Zurigo o di Parigi un certo quantitativo di collaterali negoziabili, ciascuno dei quali dotato di una perizia e di un certificato. Una volta acquistati i titoli cominciano a circolare sul mercato bancario e finanziario, e le prime transazioni saranno indispensabili per confermare l'autenticità e l'affidabilità degli stessi, e così infondere fiducia nei futuri acquirenti. I titoli circolano fino a quando non giungono nelle mani di imprenditori o di organizzazioni criminali, che li utilizzeranno a garanzia di operazioni di riciclaggio di denaro o di vendita di armi, di droga o rifiuti.


Nella pratica, le banche decidono di accettare grandi quantità di contante ( ad esempio 800.000 dollari ) garantite da collaterali per ( 1 milione di dollari) che verranno poi incamerati ed imputati a riserva o a deposito. Allo stesso modo, tali titoli possono essere consegnati a fronte di partite di traffici illeciti, come valore al portatore a garanzia del trasferimento di denaro. In un momento successivo il titolo viene utilizzato dalla banca a garanzia di aumenti di capitale o di ricapitalizzazioni, che nella maggior parte delle volte, devono coprire perdite o manipolare un bilancio per garantire il rialzo delle quotazioni o del rating. In caso di controlli, le banche possono decidere di passare alla svalutazione delle riserve denunciando di aver subito una truffa da parte dei brokers. Ricordiamo infatti i molteplici casi di condanna di singoli intermediari durante il grande boom della crisi finanziaria globale, ma anche i fallimenti di massa che hanno causato la scomparsa di grandi gruppi bancari. Dunque, le transazioni sono organizzate per la reciproca utilità di banche e organizzazioni criminali, e spesso anche dai Governi che scelgono di accettare come autentici i titoli sequestrati. Le autorità statali che sequestrano i titoli, di fatti, possono in via unilaterale riconoscerli come autentici, e scontare parte del loro valore. Non a caso, il traffico dei titoli si intensifica a ridosso di crisi finanziarie, che spinge gli Stati ad utilizzare i collaterali per l'emissione di moneta mediante il finanziamento di opere pubbliche o progetti di organizzazioni non governative. Nel caso in cui le autorità non provino che i titoli sono destinati ad operazioni illecite, essi devono essere restituiti in quanto la legge non punisce la detenzione di titoli obbligazionari esteri falsi. E' così che i titoli vengono dissequestrati e reimmesi sul mercato nero, per continuare ad essere riutilizzati in operazioni illecite.


Per chiarire tali pratiche finanziarie, abbiamo intervistato l'avvocato Jonathan H. Levy, nonchè professore di Scienze Politiche, che di recente sta seguendo il processo per il recupero fondi per il Kuomintang in relazione ai Chinese Gold Bonds, esperto nel settore delle obbligazioni statali e delle operazioni antiriciclaggio. L'avvocato Levy ha accettato di rispondere alle nostre domande, illustrando la sua esperienza con questo tipo di casi e i loro più controversi risvolti.

Di recente è stata sequestrata in Italia una serie di titoli collaterali FED, denominati per 500 milioni di dollari ciascuno, per un totale di 20 miliardi. Lei ritiene che questo tipo di collaterali siano autentici?
Sono sicuro al 100% sicuro che non si tratta di strumenti finanziari autentici emessi dal governo statunitense. La Federal Reserve nega che questo tipo di "bonds" siano emessi da tale istituzioni. Sul mercato nero dei bond è cosa nota il fatto che questo tipo di collaterali esistono, ma la loro emissione è avvolta dal mistero, ma molto probabilmente hanno origine in Cina, e la data della loro creazione puo essere anche negli anni precedenti al 1950. Alcuni sono praticamente delle copie false dei bonds emessi prima del 1950, quindi sono falsificazioni dei falsi.


Qual è la differenza tra i titoli cinesi e quelli americani?

In circolazione è possible trovare gold-bonds cinesi (titoli auriferi) emessi prima del 1950, ma messi fuori corso a partire dal 1939. Hanno come contro-valore ipotetico le corrispondenti quantità d’oro ed un valore di sconto effettivo. Gli scambi di bonds cinesi godono di un elevato tasso di sconto sulla Borsa di Valori di Parigi. Al contrario, i cosiddetti “Fed Bonds” non hanno un mercato di riferimento legale, perché non è noto l’emittente o la loro provenienza. Entrambi (cinesi e americani) sono però utilizzati come collaterali, come elementi di scambio per diverse transazioni a titolo di garanzia.


A che tipo di operazioni fa riferimento?

I bond con un valore nominale elevato o un contro-valore in oro sono utilizzati come collaterali o come schermo per operazioni di riciclaggio di denaro. L'utilizzo dei collaterali (come garanzia) può essere discutibile (oggetto di controversia) nel caso di obbligazioni emesse dal governo cinese, ma l'uso dei Fed Bonds è senza dubbio criminale. In altre parole, il possesso dei Federal Bonds non è illegale, ma il loro utilizzo è criminale. Le obbligazioni cinesi, invece, potrebbero essere utilizzate per commettere una truffa, ma non è illegale il loro uso o il loro commercio.


Che tipo di organizzazioni o entità utilizzano questi titoli?

I bonds falsi si trovano ovunque, sui mercati immobiliari, finanziari o bancari, e come garanzie su registri patrimoniali di bilancio. Possono tuttavia trovarsi nelle mani dei organizzazioni di stampo mafioso, di banche corrotte e di società che pongono in essere transazioni illecite utilizzando tali titoli come garanzie.


A suo parere, i titoli, dopo il loro sequestro, vengono riutilizzati e reimmessi nel mercato?

I titoli sequestrati in Italia non possono avere un uso legittimo, tuttavia il loro possesso non dovrebbe essere un reato , ma non si può passare la frontiera con titoli che non abbiano un valore reale e riconosciuto ( dalle istituzioni finanziarie). A meno che le autorità non provino che questi bonds sono destinati ad attività criminali, essi dovrebbero essere restituiti.